Guida per riconoscere i tuoi santi

Guida per riconoscere i tuoi santi
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (14 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Guida per riconoscere i tuoi santi

Il film, tratto dal romanzo autobiografico omonimo di Dito Montiel , che ne è anche il regista, ruota tutto attorno a dei sentimenti tra maschi: l’amore/odio padre e figlio, l’amicizia di Antonio per Dito, l’amicizia tra Dito e Mike (che potrebbe anche essere gay), mentre i personaggi femminili (la madre e la fidanzata di Dito) seppure molto ben delineati, fanno solo da contorno.
Dito ormai affermato scrittore a Los Angeles, viene richiamato a New York da sua madre, che gli chiede di portare il padre, molto ammalato, in ospedale. Il ritorno nel quartiere dei Queens lo porta a confrontarsi sulle ragioni che lo hanno spinto ad andarsene quindici anni prima, scontrandosi per questo con il padre.
Dito da ragazzo faceva parte di una banda giovanile capitanata da Antonio, il suo migliore amico, e della quale facevano parte anche il fratello di Antonio, Giuseppe (che muore stupidamente, travolto dalla metropolitana ) e un altro ragazzo Nerf. A causa di questa sua appartenenza, Dito ha dovuto subire diverse aggressioni da parte di una banda rivale composta da portoricani.
Antonio, bellissimo, sempre a petto nudo e sempre con i segni delle percosse di suo padre, è un violento un po’ stupido, il cui pensiero principale è quello di vendicarsi dei Portoricani… segue sulla scheda (R.M.)

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Un commento

  1. Jim Puff

    Buon film diretto dal regista che è anche autore del libro da cui è tratto.

    E’ la storia dell’adolescenza di un ragazzo a NEw York nel quartiere di Queens, tra lotte di bande, problemi familiari, i primi amori con le ragazze del quartiere e la tanta voglia di andarsene.

    Storie come questa se ne sono viste tante e questa non è molto originale anche se la scelta degli attori risulta azzeccata (Rosario Dawson, Chazz Palminteri e soprattutto una grande Dianne Wiest, incolore Robert Downey jr).

Commenta


Varie

segue da sopra
… L’incontro di Dito con Mike, un compagno di scuola scozzese, scrittore di poesie, gli fa desiderare una vita diversa. Mike gli trova un lavoretto presso l’esuberante Frank , un accompagnatore di cani, gay (l’accompagnatore ovviamente.. ) e tossicodipendente; lo convince a cercare di mettere in piedi una band musicale e gli propone di fuggire in California.
Antonio è geloso di Mike, sia perché allontana Dito da lui e dalla banda, ma anche perché Mike è un irlandese. Il padre di Dito (al contrario della madre) adora Antonio, ne condivide il senso di lealtà verso la famiglia e gli amici e ne giustifica la violenza mirata a difendere l’onore della comunità.
La goccia che fa traboccare il vaso è l’uccisione di Mike, per strada, da parte di un ragazzino di colore. A quel punto Dito decide di andarsene, litigando furiosamente con suo padre, che non capisce la sua scelta di lasciare la famiglia.
Rivedendo oggi i genitori, l’ ex fidanzata, che si è rifatta una vita, e infine Antonio (che in carcere lo accoglie a braccia aperte), Dito ha l’ occasione di perdonare (il padre che non lo capiva ma che in realtà lo amava tantissimo) e di farsi perdonare da tutte le persone delle quali aveva tradito le aspettative ed i sentimenti di amore nei suoi confronti. (R.M.)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.