Flapping in the Middle of Nowhere

Flapping in the Middle of Nowhere
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

Flapping in the Middle of Nowhere

Opera prima della regista Nguyen Hoàng Diep che ci porta a conoscere un’inedita periferia di Hanoi, quasi un non luogo o tutti i luoghi del mondo come suggerisce il titolo che si potrebbe tradurre come “Sbattere le ali nel mezzo del nulla”.Più che lo svolgersi della vicenda diventano importanti i luoghi in cui si sviluppa, i caratteri e la psicologia dei personaggi e i modi in cui interagiscono fra loro. Una strada percorsa nel centro da un tram che non sa da dove venga e di cui non si conoscono i capolinea. Un borgo natale perduto tra i verdissimi monti dove non è più possibile tornare e reinserirsi. Un monolocale (più angolo doccia) che si affaccia su una via fatta di gente in transito verso non si sa quali mete. Lande deserte vicino all’acqua, ideali per non essere disturbati durante i combattimenti tra galli. Hotel di gran lusso uguali a tutti gli altri di Amsterdam, Sidney, Los Angels, o Brasilia. Molte le riprese di piani inclinati ed equilibri precari (in primo luogo la piattaforma sospesa sulla quale avviene la rivelazione della gravidanza), tante le immagini di saliscendi e dislvelli, per non dire delle scene girate sull’orlo di precipizi e dirupi. E’ il ritratto di una città vitale che pulsa di mille energie ma di cui non si conoscono altre storie se non quelle dei protagonisti. La ragazza incinta, appunto, e poi Tung, il suo ragazzo di poco più adulto, innamorato e solidale con lei ma ancora troppo giovane e impreparato per poterle essere davvero di aiuto. Hanno bisogno assoluto di denaro per l’aborto, ma non è questo contingente il loro disagio più autentico. Accanto agiscono e interagiscono la ex-fidanzata di lui, più adulta e matura, che si lascia derubare senza problemi nel momento in cui si rende conto della situazione fisica e psicologica della 17enne, la mezzana abile a gestire il giro della prostituzione sia femminile che maschile, il ricchissimo feticista che impazzisce per la pancia di una donna gravida (è solo l’ultimo dei tanti nudi maschili integrali – lato B – passati sugli schermi di questa Venezia 2014), e soprattutto c’è Linh, l’amico gay vicino di casa di Huyen che si guadagna la zuppa quotidiana come travestito che si prostituisce nel buio dei vicoli della città . E’ l’altro lato della femminilità (o della mascolinità , che dir si voglia), l’unico che veda in modo pragmatico la realtà dei fatti. Nell’economia della storia non ha un ruolo di rilievo, nell’evoluzione psicologica della ragazza è fondamentale. Anche quando viene picchiato a sangue da chi ne scopre il segreto sotto le gonne, resta Linh lo specchio in cui ricercare una propria identità sociale e psicologica non ancora raggiunta. Huyen forse ci arriverà , ma pian piano, attraverso l’amore sicuro, immaturo ed economicamente incerto del proprio ragazzo, attraverso l’amore auspicato e respinto del ricco feticista, attraverso il recupero di un rapporto con la madre non più lontana, attraverso la comprensione della ragazza più adulta. Il bambino che (forse) nascerà ne sarà il frutto non solo metaforico. (Sandro Avanzo)

Condividi

Commenta


trailer: Flapping in the Middle of Nowhere

https://www.youtube.com/watch?v=O_W5POeurr4

Varie

Tung è un ragazzo di 18 anni che lavora come factotum in un’agenzia che organizza eventi. Huyen è una 17enne che frequenta la scuola superiore. Sono entrambi poveri e vivono ad Hanoi, lontano dalle rispettive famiglie. Huyen ha un amico gay, Linh, che abita vicino a lei e che guadagna qualche soldo vestendosi da donna e prostituendosi nei vicoli bui della città. Tung si crede furbo e frequenta gli ambienti del gioco d’azzardo e dei combattimenti tra galli. Quando Tung e Huyen si trovano in cima ad una gru, quest’ultima gli rivela di essere in cinta, cosa che non stupisce sapendo quanto a Tung piaccia fare sesso con lei. Ora vogliono entrambi abortire ma non hanno i soldi per farlo e Huyen è sempre più affamata e spende un sacco di soldi per le zuppe di riso. Tung rischia sempre di più con le scommesse ma quando arriva il giorno dell’aborto è costretto a rubare anche i soldi risparmiati da Huyen per pagare le sue perdite. Huyen e Tung hanno quindi un forte litigio. L’amico gay di Huyen le procura un facoltoso cliente, Hoang, feticista delle donne gravide. Hoang s’innamora follemente e riesce a dare tanta gioia a Huyen che quasi si dimentica di essere in cinta. Tung capisce che c’è qualcosa tra loro due e diventa geloso, ma in ogni caso hanno bisogno dei soldi per abortire. Il bambino sta crescendo e Hoang impazzisce per i suoi movimenti dentro la pancia di Huyen… Opera prima di una talentuosa regista vietnamita che riesce a comunicarci con immagini eleganti e dense di significati tutto il dramma psicologico e sensuale che irrompe nelle vite di due giovani ai margini della società e alle soglie della vita adulta e dei relativi problemi. Il film concorre per il Queer Lion a Venezia 2014.

NOTE DI REGIA

1.
A sexual obsession dwells deep inside the purest love and the most innocent feelings of a person. It is often invisible to us, until one day when you meet “the one” and you know that this stranger holds the key that will open desire’s door, which has been closed for years. Only when that key is pushed deeply into the lock of our feeling, will you realize inside your subconscious just how much you were hungry to be unlocked. Instead of being satisfied, you feel scared, extremely scared.
2.
What I would like to express in this film is narration. I feel that my characters are truly living in real life, they are still working through their confused emotions. I simply extract a part of their life – a part that moves me to tears – and bring it into film.
3
‘Flapping in the Middle of Nowhere’ will have long simple shots but quick motion. It’s like the angle when we incline our head to watch the view through windows or look up at the sky; it may not be well – organized but includes an amazing setup. The colors in this film are easy to be found on extremely hot summer days in a tropical land, the blazing sunlight seems to burn out the surrounding space in which our character is flapping.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.