Il Fiore delle mille e una notte

Il Fiore delle mille e una notte
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (12 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Il Fiore delle mille e una notte

Il film più dolcemente erotico di Pasolini, dove la sensualità si trasforma in piacere per gli occhi, in un susseguirsi di mirabili affreschi che non si vorrebbe mai smettere di guardare. Ha detto Pasolini: “Poi ho fatto questo gruppo che io chiamo ‘trilogia della vita’, cioè i film sulla fisicità umana e sul sesso. Questi film sono abbastanza facili, e io li ho fatti per opporre al presente consumistico un passato recentissimo dove il corpo umano e i rapporti umani erano ancora reali, benché arcaici, benché preistorici, benché rozzi, però tuttavia erano reali, e opponevano questa realtà all’irrealtà della civiltà consumistica. Ma anche questi film sono stati in un certo senso superati, resi vecchi dalla tolleranza della civiltà dei consumi”

Condividi

2 commenti

  1. thediamondwink

    Di erotico questo film ha ben poco, probabilmente è da porre in un contesto che riguarda il periodo in cui è uscito, ma è talmente pessima la recitazione, tipo bambini alle scuole elementari, che passa anche la voglia di guardarlo. Il sesso sembra quello tra delle bambole di plastica, non c’è alcun brivido erotico, nessuna scandalosa emozione, gli attori, se così li vogliamo chiamare, sembrano dei robot…

    L’unica cosa che mi è piaciuta, sono state le ambientazioni, bellissimi i luoghi e i paesaggi!!!

  2. zonavenerdi

    Film davvero tremendo e nel senso negativo del termine. Sarà il periodo in cui è stato girato, sarà che io non lo capisco; ma non mi è piaciuto per nulla.

    Nessun personaggio ha uno straccio di carattere o di caratteristica autonoma. Tutti dicono si a quello che gli viene chiesto e eseguono ordini come automi. Hanno tutti una risata fastidiosa che usano anche per comunicare sciagure. E sopratutto il racconto non è fluido, ma recitano tutti come se raccontassero delle novelle. La recitazione è pari a zero.

Commenta


Varie

Partendo dalla vicenda di Nur-el-Din e della bella schiava Zumurrud, che egli perde, cerca e infine ritrova, il film narra di due giovani che attirano fanciulli e fanciulle, li fanno accoppiare per scoprire chi di loro ami di più; quindi Aziz è costretto a subire l’evirazione per aver tradito la donna per cui aveva abbandonato la fidanzata; Tagi riesce a far innamorare di sé una principessa a tal punto da indurla a uccidere il padre; due principi, dopo vicende sanguinose, si fanno bonzi.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.