Derek Jarman: Life as Art

Derek Jarman: Life as Art
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (2 voti)
  • Critica

Cast

Derek Jarman: Life as Art

Caravaggio. Edward II. Wittgenstein. Un Derek Jarman assurdo e misterioso come appare nei suoi film in Super-8 “cinema di piccoli gesti”. Quasi autonomamente ha rinvigorito il cinema indipendente britannico. Ha costantemente guadagnato l’approvazione della critica ma raramente ha guadagnato al botteghino o in riconoscimenti ufficiali. La sua rabbia e la sua abilità registica sembrano sconvolgerci mentre riscrivono la storia gay. Interviste con la sorella di Jarman, Gaye Temple, con il valoroso Nigel Terry e con la musa Tilda Swinton aggiornano e correggono la nostra comprensione di questo grande artista attivista, regista e agitatore. Kimpton-Nye ci racconta con abbondanza di particolari la vita e il lavoro di Jarman, che, dieci anni dopo la sua tragica morte per Aids, alimenta ancora intere generazioni di artisti e registi. Girato simulando lo stile di Jarman questo film ci racconta le sue influenze ed ispirazioni. Il suo amore per il giardinaggio è una metafora del suo metodo registico: cura coraggiosamente la bellezza nei suoi film essenziali e spontanei, nati da elementi solo apparentemente aridi. Come Kenneth Anger, Stan Brakhage e Barbara Hammer, St. Jarman siede tra i santi patroni del cinema LGBT, grandi innovatori che ci hanno dato vibranti e personalissimi films, liberi dal box office e da tutte le consuetudini.

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.