Daniel Schmid

Daniel Schmid
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica

Cast

Daniel Schmid

Il regista Daniel Schmid nasce nel 1941. Suo padre era albergatore a Films. Bimbo precoce, era stato ispirato dalle storie che gli raccontava la nonna e presto scoprì l’arte dell’espressione. Molto presto la hall dell’hotel dei genitori divenne il palcoscenico delle sue storie, una passione che lo accompagnò per tutta la vita. Dopo gli studi all’Università di Berlin e alla German Film and Television Academy, Schmid lavorò con Rainer Werner Fassbinder, Rosa von Praunheim e Werner Schroeter. Iniziò anche a dirigere suoi film: portò sullo schermo un adattamento della commedia di Fassbinder “Der Müll, die Stadt und der Tod” (SHADOW OF ANGELS, 1976) e presto inizio la sua emancipazione dalla New Wave tedesca. Diresse bellissimi documentari, come il lavoro del 1984 ambientato in una casa per anziani cantanti d’opera, IL BACIO DI TOSCA; film autobiografici come ZWISCHENSAISON (1992) basato sulle sue memorie d’infanzia quando viveva nel grand hotel; e una iridescente commedia, BERESINA ODER DIE LETZTEN TAGE DER SCHWEIZ (1999) che sbeffeggiava i pregiudizi e i clichés svizzeri. Negli stessi anni Schmid dirigeva opere teatrali. Pascal Hofmann e Benny Jaberg hanno fatto con questo film un intrigante caleidoscopo di paesaggi e persone, conducendo gli spettatori in un variegato viaggio cinematografico attraverso la vita e le opere di uno dei più straordinari artisti del cinema svizzero.

Condividi

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.