City of Borders

City of Borders
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT QQQ
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Varie

Cast

City of Borders

“Tutti vengono dal ghetto e si incontrano a Shushan.” dichiara Sa’ar Netanal, gestore di un bar. Il suo commento non è soltanto una frase buttata lì, è un’affermazione. Il suo bar a Gerusalemme è un punto di ritrovo per persone di qualsiasi orientamento sessuale, indipendentemente dalla loro etnia e dalla loro religione. Per arrivare a questo bar, Boody, un palestinese e musulmano devoto, deve superare in qualche modo il filo spinato che separa West Bank da Gerusalemme. Così facendo rischia l’arresto … se non la morte. Il petto e le braccia del diciannovenne ballerino Adam Russo portano le cicatrici di quando venne assalito durante il Gay Pride del 2005 da un gruppo di ebrei ortodossi. Quando Samira, una palestinese ed ebrea di 31 anni, bacia la sua ragazza Ravit, sta contemporaneamente rompendo il tabù dell’amore fra persone dello stesso sesso e quello dell’amore fra un ebreo e un arabo. Fuori dal bar, ebrei, musulmani e cristiani fondamentalisti cercano di superare le loro diversità per formare un gruppo solidale. Fanno questo sforzo per impedire agli attivisti omosessuali di vivere una vita senza discriminazioni.
CITY OF BORDERS segue le vite delle persone che si incrociano nel bar di Sa’ar Netanal. Tuttavia, provato dai continui scontri con l’amministrazione estremamente conservatrice di Gerusalemme, Sa’ar Netanal si vede obbligato a chiudere il suo locale. Boody si ritrova dunque a Warren, Ohio, come la prima drag-queen palestinese della storia; Adam si chiude nella sua vita privata, e Ravit mette alla prova la sua relazione con Samira nel momento in cui decide di volere un bambino – una cosa che Samira non ha mai voluto. (Berlinale 2009, tr. G.B.)

Condividi

Commenta


Varie

In questo documentario Yun Jong Suh segue le vicende di 3 gay e 2 lesbiche (palestinesi ed israeliani) le cui vite sono costantemente in pericolo.

Boody, un palestinese e musulmano devoto, per raggiungere Gerusalemme rischia continuamente la vita. L’ebreo Adam Russo porta ancora i segni sul petto e sulle braccia delle cicatrici di quando venne assalito durante il Gay Pride del 2005 da un gruppo di ebrei ortodossi. Apparentemente più vivibile la relazione tra Samira, una palestinese ed ebrea di 31 anni, e l’ebrea Ravit.

La vita a Gerusalemme diventa sempre più difficile a causa dei continui attacchi che la comunità gay, lesbica e trans subisce da parte dei fondamentalisti ebrei, musulmani e cristiani che hanno dato intanto vita ad un’alleanza per contrastare le battaglie per i diritti civili e, quindi, le vite stesse delle persone intervistate andranno incontro a forti cambiamenti.

L’opera è stata premiata come Miglior Documentario nella sezione Panorama della Berlinale 2009.

City of Borders è dedicato alla memoria delle vittime dell’attentato di Tel Aviv del 1 Agosto 2009. (Gender Bender)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.