Cibrâil

Cibrâil
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (8 voti)
  • Critica

Cast

Cibrâil

Cibrâil, un giovane poliziotto, vive felicemente con la sua ragazza gallerista a Berlino. Apparentemente tutto sembra andar bene, il denaro non è un problema, e Cibrâil è ben integrato nella società nonostante le sue origini turche. Ma qual è la causa delle notti insonni del poliziotto? Una visita del cugino gay della fidanzata stabilitosi da tempo a Roma non sembra turbare il menage, almeno in superficie. L’ospite è simpatico, libero, sta per i fatti suoi, gira per la città e la fotografa, ha qualche avventura. Cibrail si avvicina a lui quasi inconsapevolmente, fanno jogging assieme e lunghe passeggiate, s’avventurano in qualche confidenza. Ma l’attrazione, a volte, può risultare fatale. In una Berlino algida dove accadono inquietanti episodi di omofobia, una storia di passioni inconfessate condotta con uno stile “raffreddato”, distante, anti-emotivo, minimale. (Togay 2011)

Condividi

6 commenti

  1. neoargon

    gli attori hanno sempre la stessa espressione. i dialoghi scarni. un’atmosfera fredda che non coinvolge e non suscita nessuna emozione nello spettatore. brutto film. voto 4.

  2. dragoncello64

    …a volte mi chiedo come certi film abbiano il coraggio di essere distribuiti…! …un film che sembra un compitino di un ragazzo delle medie! gli attori pessimi, la regia terribile…..!….

  3. maurizio

    Tranne il protagonista che si puo definire attore il resto è molto scarso . Il film sembra essere girato da due registi diversi , a tratti romantico e poetico improvvisamente cade nella banalità e nella noia scarsissimi i dialoghi che avrebbero dovuto lasciare spazio ad un linguaggio diverso che pero non c’è .voto 5

  4. Film che forse e’ un presagio di una Turchia entrata nell’Unione Europea. I due ragazzi turchi sono pienamente integrati nella societa’ in cui vivono, non parlano neppure piu’ la lingua d’origine , non hanno particolari problemi con l’omosessualita’ , nessuna remora religiosa. Uno solamente e’ un gay consapevole e scafato , l’altro , il poliziotto, e’ alle prime armi e ancora confuso. Il film non e’ assolutamente male ma c’e’ un’atmosfera fredda , come dice il commento ,che a mio parere raffredda anche lo spettatore. Bravi gli attori. Non ho trovato sottotitoli , neppure tedeschi. Ma anche con il mio tedesco non eccelso , ho seguito il dialogo agevolmente. Voto 7.

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.