Che ho fatto io per meritare questo?

Che ho fatto io per meritare questo?
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (26 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Che ho fatto io per meritare questo?

Disavventure di una donna delle pulizie madrilena (Maura) con un figlio spacciatore e uno omosessuale (14 e 12 anni rispettivamente), nonché un marito fedifrago (che ucciderà con un osso di prosciutto). Una sequenza di apertura quasi hard e un finale da melodramma per un Almodovar che contnua a puntare sul grottesco, abbastanza divertente ma girato alla meno peggio. Il regista interpreta il ruolo di cassiere. (Paolo Mereghetti)

Condividi

Commenta


Varie

In un quartiere periferico di Madrid vive insoddisfatta e perennemente stanca Gloria, sposata ad Antonio, tassista egoista e prepotente, attratto morbosamente dal ricordo di un suo lontano soggiorno in Germania con Ingrid, una cantante tedesca con la quale ebbe una relazione. I due hanno due figli, Toni di 14 anni coinvolto nel traffico di eroina e Miguel più piccolo già preda di omosessuali. In casa vive anche la nonna, madre di Antonio con la mania dell’acqua frizzante e dei biscotti. Gloria è spesso disperata e sfiancata per il lavoro in casa e fuori come domestica poiché i soldi che le dà Antonio non bastano mai: ricorre sistematicamente alle anfetamine e ai consigli affettuosi e disinteressati dell’amica Cristal, una squillo che abita sul suo pianerottolo: Gloria è infelice, col marito non ha dialogo, con i figli non riesce ad essere una buona madre poiché essi hanno già la loro vita: il primo nei suoi affari illeciti e il secondo con i suoi “amici particolari”. La suocera irresponsabile non le è affatto d’aiuto. Accetta senza reagire un rapporto amoroso negli spogliatoi della palestra dove lavora e senza battere ciglio accetta che il figlio Miguel vada a vivere con un dentista omosessuale. Il marito Antonio che sa imitare qualsiasi scrittura, è convinto da uno scrittore fallito, Lucas Villalba, a falsificare la firma di Hitler in alcune fittizie memorie del dittatore che Ingrid gli procurerebbe. Farebbero tutti un buon affare: ma il piano di Lucas e sua moglie Patricia crolla quando Antonio dopo una lite con Gloria che lo colpisce alla testa cade e muore: anche Ingrid a Berlino si uccide. La situazione cambia improvvisamente: la suocera di Gloria e Toni decidono di partire per il paese; Cristal che vuole trasferirsi a Las Vegas intreccia intanto una strana relazione con Polo, un ispettore di polizia che indaga sulla morte di Antonio e che ha qualche problema sessuale. Gloria senza più anfetamine si sente persa e rimasta sola in casa pensa al suicidio. A salvarla però c’è una strana bambina vicina di casa, Vanessa, con poteri telecinetici e una madre isterica che si mantiene facendo la sarta dopo l’abbandono da parte del marito. A risolvere definitivamente la situazione di Gloria è il ritorno a casa di Miguel che ha deciso per il momento di troncare la sua condizione di “mantenuto”. (Cinematografo.it)

—————————–

‘Nel suo quarto film il regista della Mancha perviene ad un personale neo-realismo, senza pietismi ne vittimismi, che esalta invece l’umanita’ di una figura femminile votata all’infelicita’ (come del resto quasi tutti i personaggi Almodovariani) in una dimensione quotidiana dove la marginalita’ della periferia metropolitana, coi suoi alberi scheletrici, intesa come macrospazio di riferimento esterno, si riflette nel microcosmo familiare.’
Maurizio Fantoni Minella

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.