Celine e Julie vanno in barca

Celine e Julie vanno in barca
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT L
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Celine e Julie vanno in barca

“Julie, la ragazza dai capelli rossi, legge distrattamente un libro dello stesso colore, seduta su una panchina di Montmartre e respirando compiaciuta la fresca brezza del parco mentre un gatto ben pasciuto è intento a fissare un’ipotetica preda fuori campo. Tre minuti filati di silenzio per un film ispirato a pagine letterarie di Henry James, Lewis Carroll e Adolfo Bioy Casares, che si snoda incessantemente su una giustapposizione di paradossali situazioni narrative provocate ad arte contro ogni parvenza di logica precostituita. Poi al passaggio di Céline un’esclamazione improvvisa di Julie rompe il reiterato mutismo. Le due ragazze si scrutano per un attimo, si pedinano, s’inseguono, ed è l’inizio di un’allegra sarabanda in cui per il momento è ancora il silenzio a regnare indisturbato, rotto qua e là dal singhiozzo sempre più insistente del traffico… ” (Film.tv.it). Il film è stato inserito tra i migliori dieci film a tematica omosessuale di tutti i tempi (al 7mo posto) dal quotidiano “Indipendent” (24/1/2009). Il film è stato trasmesso sottotitolato da Rai Tre Fuori Orario.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

Commenta


Varie

Libere variazioni su pagine letterarie di Adolfo Bioy Casares, Henry James, Lewis Carroll.
In una piazzetta di Montmartre, Julie e’ seduta su una panchina a leggere un libro quando vede passare davanti a se’ una giovane donna che perde un foulard. Lo raccoglie e cerca di restituirglielo, ma invano poiche’ la sconosciuta entra in una camera d’albergo. Soltanto il mattino dopo le due donne si incontrano. Julie e’ una bibliotecaria, Céline una prestidigiatrice e verra’ ospitata a casa della nuova amica. Tra racconti, fantasticherie e riti magici, Céline svela a Julie di aver lavorato come infermiera in un’antica dimora dove vivevano un vedovo con la figlia, di salute cagionevole, la cognata e un’altra donna. In quella villa, al 7 bis di rue du-Nadir-aux-Pommes, entrambe faranno ritorno e riusciranno a vedere e poi a rivivere esattamente un fatto accaduto anni addietro e conclusosi con l’uccisione della bambina. Nel corso delle loro scorribande – reali e fantastiche – le due amiche riusciranno a mettere in salvo la piccola vittima e la porteranno via con loro su una barca. Alla fine, Céline seduta su una panchina in una piazzetta di Montmartre, vede passare davanti a se’ Julie che prende un libro dalla borsa, lo raccoglie e cerca di restituirglielo, ma… (Tai Tre – Fuori Orario)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.