La Caduta degli dei

La Caduta degli dei
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Eros
  • Media voti utenti
    • (28 voti)
  • Critica
Varie

Cast

La Caduta degli dei

Film sontuoso e ricco di situazioni differenti al limite dell’ingorgo. La storia dell’ascesa del nazismo seguita parallelamente alla storia di una grande famiglia di industriali tedeschi: corruzione e decadenza alla fine sembrano trionfare ovunque. Come al solito in Visconti possiamo apprezzare la magnificenza figurativa (la scena della notte dei lunghi coltelli è un affresco grandioso) e un realismo melodrammatico forse eccessivo (vedi scena dell’incesto). Si ha comunque l’impressione di avere visto un “grande” film.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

2 commenti

  1. thediamondwink

    La corruzione, madre di tutti i mali, è la vera protagonista dell’intera pellicola. Come oggi, anche ieri, il mondo gira intorno allo sporco e vile denaro, che rende schiavi anche gli uomini di buona fede. Grande film di Visconti, sinceramente, leggermente lungo, ma ottimamente costruito: ho trovato perfetto il connubio tra l’acciaieria (il male borghese) e il nazismo (il male politico), in cui, ovviamente, le strade non possono far altro che congiungersi! Meraviglioso Berger, lo adoro, era di una bellezza “diabolica”…

  2. Pasquale

    é un classico imperdibile omaggio ultimo di Visconti, che con la sua elegante violenza c’ha presentato il ritratto decadente di una societá anche sul piano dell’omosessualitá. É un peccato non vedere spesso questi tipi di film.

Commenta


Varie

Ai familiari riuniti per festeggiare il suo compleanno, il vecchio Joachim Essenbeck, proprietario di una delle più grandi acciaierie tedesche, annuncia il proposito di sostituire alla direzione dell’azienda il figlio Herbert – di idee democratiche – con l’altro figlio, Kostantin, iscritto alle S.A., le squadre d’assalto hitleriane: e questo per ingraziarsi il regime sebbene Joachim, personalmente, sia ostile a Hitler. Spinto da Haschenbach – cugino degli Essenbeck e membro delle S.S., la cui intenzione, per ingraziarsi l’esercito, è quella di eliminare le S.A. – Friedrich, dirigente dell’acciaieria e amante di Sophie (vedova del figlio maggiore di Joachim e madre del dissoluto Martin) – aspirando a sua volta alla direzione dell’azienda – uccide il vecchio Essenbeck facendo in modo che la colpa ricada su Herbert, costretto perciò a riparare all’estero, lasciando in Germania la moglie e due figli. Avendo ereditata la maggioranza delle azioni Martin – su pressioni della madre di cui è succube – si mette contro Kostantin in favore di Friedrich. Cercando di riguadagnare le posizioni perdute Kostantin ricatta Martin, che si è gravemente compromesso in una sporca faccenda sessuale, ma, durante la “notte dei lunghi coltelli” – nella quale le S.A. vengono massacrate dalle S.S. – il nipote elimina lo zio. Sophie e Friedrich si adoperano per mantenere nelle proprie mani la direzione dell’azienda ma Haschenbach, facendo leva sull’imbelle Martin, li costringe entrambi al suicidio.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.