I Buchi neri

I Buchi neri
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Varie

Cast

I Buchi neri

Il film inizia con una visione astronomica dei buchi neri nella volta celeste, cui fa subito seguito un primo piano del buco nero di una latrina. E’ la toilette per uomini di un ristorante dove si sta svolgendo un banchetto nuziale e assistiamo al dialogo di due uomini: lo sposo (con i pantaloni calati) e il suo amico Adamo (un Vincenzo Peluso biondo) che gli sta dicendo addio per sempre. Si entra quindi nel vivo della storia. Adamo torna al suo paese sulla costa campana perchè ha ricevuto la notizia che sua madre e morta, ma a lui importa poco o nulla (l’ultima volta che si erano visti era un ragazzino di sette anni). Adelmo, un amico d’infanzia, gli offre un modesto lavoro nella sua piccola impresa di trasporti (portare alla discarica quintali di banane marcite). Su una strada della campagna assolata, Adamo conosce Angela, una prostituta che esercita l’attivita ad un bivio con altre quattro colleghe, tutte handicappate. Diventano subito amici perchè lui l’ha salvata da un cliente che tentava di rubarle la borsetta e Angela si innamora di Adamo il quale però è un inveterato onanista e guardone: per lui il colmo del piacere e quello di spiare Angela, stando nascosto tra le stoppie riarse, durante i suoi amplessi con i clienti e lei scopre le stesse voluttuose sensazioni seguendo la masturbazione di Adamo e credendo di avere con lui quel rapporto completo che invece nei fatti non si realizza mai… segue sulla scheda

Condividi

Commenta


Varie

segue da sopra (CONTIENE FINALE)

…Dopo che Adamo si è avvicinato ad Adelaide, sorella di Adelmo, rimasta incinta del fidanzato che si è dileguato, viene arrestato per omicidio perchè ritenuto colpevole di aver accoltellato un ragazzo. Angela, che era presente al fatto e potrebbe testimoniare per lui, si rifiuta di aiutarlo in quanto significherebbe mentire una volta di più a se stessa, ma Adamo sfugge all’arresto e si nasconde in una solfatara.
Improvvisamente su di una collina non lontana dal posto dove le prostitute battono, si è posato un uovo gigantesco: una delle prostitute – muta – ricomincia a parlare, un’altra (ritardata nel fisico e nella mente) constata l’arrivo del suo primo ciclo mestruale. Per la terza, tenacissima nello scrivere lettere al fidanzato in galera, giunge finalmente la tanto attesa risposta; infine la quarta prostituta (una monca) recupera miracolosamente le sue mani. E in più avvengono altri eventi singolari: una gallina dalle piume rossicce diventata tutta bianca e in una visione della solfatara di Pozzuoli appare Angela, emettendo vapori bianchi e caldissimi dal proprio organo genitale, con Adamo che appare e scompare, fumigante lui pure, in una delle grotte. Nessun miracolo, ovviamente, solo una fantastica rigenerazione per tutti. (F.T.)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.