Beautiful Thing

Beautiful Thing
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGGG
  • Eros
  • Media voti utenti
    • (2468 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Beautiful Thing

La scoperta della propria omosessualità da parte del timido Jamie (Berry) e del disadattato Ste (Neal), in un ambiente popolare infarcito di pregiudizi sessisti. Debutto cinematografico di una giovane e quotata regista teatrale, che porta sullo schermo un testo di Jonathan Harvey (anche sceneggiatore) già collaudato con successo sulle scene. Il film è forse un po’ troppo edulcorato ma le interpretazioni sono ottime (da tutti i punti di vista). Il film, diventato da subito un cult, è rivolto soprattutto ai giovani gay.

Condividi

62 commenti

  1. Ho visto in questi giorni il film; devo dire che tratta in maniera delicata e senza mai esagerare ciò che succede nella normalità, potevano essere inseriti molti più elementi contro l’omofobia.
    Nel complesso, un buon film

  2. De La Croix

    “Anche nel deserto può nascere un fiore”, una frase che descrive perfettamente questo film. In un quartiere degradato della periferia di Londra (molte delle scene girate negli stessi locali della serie TV “Misfits”)due adolescenti trovano l’amore, non senza dover lottare prima con se stessi e poi con gli altri per averlo. Una storia semplice, di quelle che ancora è possibile sentire in molte famiglie. Personaggi complessi che si incrociano, arricchendo la vita la vita gli uni degli altri. Grande attenzione alle personalità, tutte sviluppate abbastanza bene (specialmente la madre del protagonista e il fidanzato di lei). Ottima colonna sonora (Mama Cass su tutte). Leggermente affrettato il finale, ma sicuramente coraggioso e pieno di speranza.

  3. PierrotTheClown

    Trovo che sia il film più bello che ho mai visto in assoluto, una storia bellissima, la fotocopia della mia adolescenza anche negli aspetti più piccoli, intensa, dolce, con attori meravigliosi e personalità azzeccatissime. Racchiude tutto : amore, paura, lotta, riscatto, speranza. voto 11!!

  4. Desirion

    Rivisto di recente, e devo dire che anche se sono passati gli anni è sempre un film molto attuale, che non cerca mai di strafare e di andare oltre la semplicità che ci vuole raccontare: quella di due adolescenti e della loro voglia di amare. Un film che dovrebbero vedere tutti.

  5. thediamondwink

    Film molto interessante, pulito e lineare. La trama seplice ma efficace, ricorda come i pregiudizi siano duri a morire e la ‘diversità’ sia solo uno status sociale. Bravi gli attori.

  6. DuffyDuck

    Veramente bello! In questo film si mostra l’avvicinamento goffo di due adolescenti che stanno scoprendo il mondo e la propria sessualità… Vale davvero la pena vederlo, anche più di una volta!

  7. cucciolo88

    Sicuramente uno dei miei film preferiti…..mi fa pensare a come da adolescente avrei voluto una storia. Pensare che l’Inghilterra fosse così avanti nel 1996 mi fa rabbrividire….

  8. L’ambientazione popolare da sempre un certo sapore, così come la storia di un primo amore che, bene o male, riesce a sbocciare nonostante i pregiudizi: niente molto più di questo nel film, ma sicuramente una visione dolce e sentimentale che posso consigliare.

  9. reader81

    Ahahahahahha…
    troppo forte!!! Ero proprio un ragazzino quando vidi il film, e assolutamente non avevo alcuna idea che i 2 protagonisti fossero 2 maschi. Rimasi un po’ sconcertato, ma incuriosito allo stesso tempo.
    Mi piace tanto, perchè racconta in maniera del tutto inglese la situazione.
    Da oscar l’interpretazione della scena in cui l’amica super fatta è convinta di aver vinto un premio.
    8 più che meritato.

  10. istintosegreto

    Delicato, ironico, perfettamente in equilibrio tra i generi commedia e sentimentale. Un amore “fresco” come solo un amore adolescente può essere. Travolge le barriere di una periferia londinese chiusa e violenta. Accende la passione tra due ragazzi profondamente diversi.
    Accanto ai protagonisti, fanno da contorno due deliziosi personaggi femminili: Sandra, la mascolina madre di Jamie, che riesce quasi subito ad accettare che non diventerà mai nonna; e Leah, la ragazzina beona della porta accanto che, verso la fine del film, con aria da donna vissuta, dichiara ironicamente: “Mi sono rotta degli uomini. Voglio rimorchiare una bella fica stasera!”.
    Due le scene da ricordare: l’inseguimento giocoso dei due ragazzi tra gli alberi del parco che termina con un bacio appassionato; e il ballo finale nel parcheggio del condominio con le coppie Jamie/Ste e Sandra/Leah. Entrambe le scene (come del resto l’intera pellicola) sono supportate dalle azzeccatissime canzoni dei Mamas and the Papas.

  11. Decisamente il mio film gay preferito.
    Trovo estremamente affascinante la coesistenza del realismo tipicamente inglese, anche senza toccare Ken Loach, e la dimensione del sogno, come nella corsa tra gli alberi.
    Lo sguardo della madre nella scena finale del ballo, credo meriti un posto nell’Olimpo del genere.

    Ho capito male, o non esistono i diritti per il DVD in Italia? Io ce l’ho in lingua originale, ma mi par d’aver capito che in Italia ci son diritti solo per la distribuzione del VHS?!
    Se qualcuno ha notizie diverse, mi faccia sapere, please!
    [email protected]

  12. mouse29

    Insieme a “Fucking Amal” e “Sommersturm” – “Beautiful Thing” è una vera chicca, i miei 3 preferiti sull’adolescenza gay. Ironia: sembra che in realtà i due attori protagonisti siano etero, mentre il “vero” gay è Ben Daniels, il simpatico “macho” Tony (nel film la parte in cui Sandra lascia Tony non mi è andata giù). Mi chiedo come sia stata per lui l’esperienza del film. Ben si è da poco legato civilmente con l’attore Ian Gelder dopo 16 anni insieme (tra loro ci sono 15 anni di differenza e solo 7 giorni di distanza tra i compleanni: Daniels 10 giugno 1964 – Gelder 3 giugno 1949), non è mai stato “nascosto”, anche se ricorda la paura durante i primi anni dell’Aids e la diffidenza verso i gay che esiste ancor oggi, pensa di aver perso dei ruoli importanti a causa di questo. Esistono alcune sue interviste molto simpatiche. In una, ironizza sulla sua posizione nella “Pink List”: è passato dal n. 47 al n. 79. ” I’ve just not been gay enough!” 🙂

  13. Sono passati un po di anni dalla prima volta che ho visto questo film….in questo periodo lo sto guardando e riguardando…Bello, positivo, ottimista e garbato…anche emozionante…da consigliare a chi non lo ha mai visto….e poi STUPENDO E BRAVO Scott Neal…oggi 32enne

  14. buzzz

    il film e’ molto toccante. interessante nel rendere la vita di quartieri periferici inglesi anni 90, straordinaria l’attrice che interpreta la madre.

  15. stefano66

    Secondo ma il film è molto bello e molto sottovalutato. Finalmente due protagonisti “normali” non modelli da copertina. anche il contesto suburbano è molto azzeccato, il rapporto tra madre e figlio molto ben restituito cinematograficamente. la timidezza dei primi approcci sessuali, le paure e le incertezze di due adolescenti sono davvero piene di poesia… lo scoprirsi, l’accettarsi… Da vedere sicuramente!

  16. Film bellissimo! Per quanto l’ambientazione possa sembrare un po’ monotona, gli attori sono bravissimi e in più di un punto mi hanno fatto morire dal ridere … e mi hanno portato sull’orlo del pianto, talmente è bella la storia! Stupenda scena finale …

    @ Giovane quindicenne: sarei felicissimo di mettermi in contatto con te, la confusione a quanto pare non è solo mia 😉
    MSN: [email protected]
    PS: ho 16 anni

  17. Piccolo, delicato, tenero film. A tratti pure genialmente “bislacco” nella sua sfacciata semplicità. Si sente una idea forte dietro e si vede la capacità di portarla avanti con sicurezza. Il film ha una costruzione un po’ statica (qualcuno si lamentava che il grosso della storia si sviluppa davanti le porte di casa dei due ragazzi) che deriva dal trascorso teatrale della regista, se non ricordo male.

  18. Angel Dumott

    Il mio film preferito!
    Lo adoroooo, l’attrice che interpreta Sandre è straordinaria… la vita nel quartiere popolare è raccontata egregiamente e poi il romanticiso…. un film che da tantissime emozione e racconta un sacco di storie molto belle!
    Lo consiglio a chiunque!!!!!!!

  19. Giovane quindicenne

    se qualcuno ha la mia età e ha visto questo film allorà sarà un giovane quindicenne con il mio stesso pensiero e da li ci potremmo anche conoscere aspetto notizie di qualunque quindicenne (o sedicenne) per provare a creare questa esperienza fantastica,aspetto con ansia vostre risposte…i love beautiful thing (io sn molto confuso per questo cerco qualcuno con il quale possa parlare pure solo con una chiamata o via msn o messaggi io avrei un sacco su cui chiarirmi perchè nn posso stare nell’ombra per tutta la vita…

  20. dopo aver visto questo film sn rimasto con la voglia di vivere questa esperienza,non posso dare una definizione a questo film perchè le parole sono troppo forti da scrivere so solo che un giorno o l’altro vivrò anchio la mia favola”sn molto confuso alla mia età avendo quella protagonisti vorrei prendere esempio da questo film”

  21. simpatiko film senza grandi pretese..Gli anni si fan sentire,alcuni personaggi poco coinvolgenti e dai caratteri poco curati..infine la storia un po’ noiosa:totalmente girata in un terrazzo di un palazzo o quasi! se l’ avessi visto a 15 anni avrebbe avuto tutto un altro signifikato

  22. Molto bello, divertente e serio allo stesso tempo! La scena del ballo finale da quel messaggio che tutti dovrebbero mettere in pratica. avere il coraggio di fregarsene dell’opinione degl’altri.

  23. Ultraviolet

    Quello che più stupisce è la sicerità che il film emana.
    Strugge ma allo stesso tempo fa sorridere l’ingenuità e l’imbarazzo, come nella scena del primo bacio tra i due.
    Merita anche nota, l’ambientazione,dove gli enormi casermoni sono indice di miliardi di vite che si muovono al loro interno eppure nessuno sembra conoscere bene l’altro, o per meglio dire ognuno si è creato un giudizio sull’altro.
    Un film intelligente consigliatissimo.

  24. Rainbow87

    Film carino ma nulla di più.
    Storie poco coinvolgenti, personaggi a volte noiosi…
    Ma ho trovato molto bella la parte finale del ballo per strada.
    Tuttavia poco entusiasmante.

  25. pierrecs

    grande film, delicato, intelligente, con due attori veramente strepitosi.
    qui c’è tutta la vita normale da vivere, con i drammi e le paure di un’intera periferia!
    geniale!

  26. mjrko77

    Una bella storia adolescenziale. Gradevole, non troppo impegnata, ma soprattutto ottimista… Purtroppo non è sempre così; anzi, direi quasi mai.
    E’ un ottimo film da proporre ai propri genitori: sia mai che finalmente riescano a capirci!!!
    P.S.: consiglio a tutti “C.R.A.Z.Y.”: meraviglioso!

Commenta


Varie

In un popoloso condominio di Thamesmead, alla periferia di Londra, nel corso di un’afosa estate si intrecciano le vicende di alcuni adolescenti, due ragazzi e una ragazza di colore. Jamie ha molti problemi ad ambientarsi a scuola, viene sempre preso in giro dai compagni e soprattutto non sopporta di praticare sport. Sua madre Sandra, che è separata ed ha una relazione con il pittore hippy Tony, lavora in un pub, ha mille problemi quotidiani e non è sempre in grado di seguire il figlio. A Ste, coetaneo di Jamie, piacciono invece gli sport, è bravo a scuola ma sta male a casa dove è continuamente maltrattato sia dal padre alcolizzato Ronnie sia dal fratello più grande Trevor. Leah invece è stata cacciata da scuola e passa le giornate in casa ad ascoltare le canzoni dei Mamas e Papas e a sognare di diventare una grande cantante. Una sera, dopo l’ennesimo scontro con il padre, Ste trova rifugio a casa di Sandra e passa la notte con Jamie. Frequentandosi più da vicino, i due ragazzi simpatizzano e si sentono attratti l’uno dall’altro. Nel frattempo Sandra è molto contenta, perchè vede concretizzarsi il suo desiderio di ottenere un pub in gestione. Ma la sua soddisfazione è bruscamente interrotta, quando si accorge che tra i due ragazzi è nato un rapporto particolare, li segue in un bar per gay e poi affronta decisamente il figlio. Dopo un primo, brusco confronto iniziale, prevale la voglia di comprendere. E sul grande piazzale del condominio, Jamie e Ste possono finalmente vivere la loro storia alla luce del sole.

——————-

“Gradevole e privo di malizia, Beautiful thing, è diretto dall’esordiente Hettie MacDonald, una regista che ha, fino a ora, lavorato su palcoscenici londinesi, ma l’autore della coraggiosa sceneggiatura (e dell’omonima pièce teatrale) è Jonathan Harvey, 30 anni, ex insegnante, gay che ha scritto il testo durante l’approvazione in Gran Bretagna della nuova legge sull’età del consenso per i rapporti sessuali tra gay, abbassata da 21 a 18 anni. Per i giovani eterosessuali il limite è fissato a 16 anni: una forma di discriminazione che il film ha modo, implicitamente di smentire e disapprovare”. (Fabio Bo, ‘Il Messaggero’, 23 febbraio 1997)

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.