Aprimi il cuore

Aprimi il cuore
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (41 voti)
  • Critica
Varie

Cast

Aprimi il cuore

Sorelle, amiche, amanti: storia di un amore totale! Dice la regista: “Filmare l’amore è dare una forma a qualcosa di irrapresentabile, un gesto che mi rimanda alla scultura di Michelangelo, al suo tirar fuori, in levare, l’anima dalla materia. E chissà se andando a levare gli schemi razionali che costituiscono l’etica e la morale di quasi ogni uomo e che classificano l’amore in diverse tipologie, non scopriremmo che ad ognuna di queste appartengono delle pulsioni sessuali.” Film difficile, ambizioso, comunque senz’altro sopra allo standard innocente del cinema italiano di oggi. Aspettiamo la regista alla prossima prova.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

17 commenti

  1. thediamondwink

    Cominciamo a parlare della recitazione, direi che non posso definirla tale perchè un branco di cani avrebbe fatto di meglio di questi pseudo attori/attrici. La regia è sconclusionata, ci buttano li dipindi, musiche terribili e un miscuglio di inquadrature del cielo tanto per guarnire il prodotto e renderlo ancora più “appetibile”. Ma di appetibile qui c’è ben poco, cominciando proprio dalla sceneggiatura terrificante e a tratti perversa, oserei dire. Se volete perdere 90 minuti della vostra vita fate pure, ma io vi dico di lasciare perdere, meglio farsi una bella passeggiata…

  2. Film delicato, asciutto e diretto; consiglio vivamente di guardarlo con la giusta intensità: le tematiche sono trattate con “normalità” e questo per me è un punto di forza del film; le attrici sono molto brave nel celare e trattenere le passioni quanto le indifferenze. é un film “carico” al punto giusto, non ci sono eccessi solo un clima di mistero che sin dall’inizio incombe sulle sorelle.
    Ben fatto!!

  3. martinz

    pensavo che sarebbe stato interessante vedere come una regista giovane rappresenta su video una realta’ morbosa e raccapricciante come quella della prostituzione all’interno di un rapporto incestuoso. ma purtroppo il film e’ scontato dall’inizio alla fine, fino a diventare noioso.

  4. non voglio essere cinica ma questo film e’ orrendo…lo ho visto con un’amica etero che oramai si sta facendo una cultura di questi film paurosa e anche a lei non e’ piaciuto per nulla!

  5. Delicato e feroce,claustrofobico,nauseante. Da vedere,ma non certo come svago. meravigliosa interpretazione dell’attrice-regista. per quanto riguarda il finale…mi è sembrato una forzatura,forse frettolosa conclusione,dovuta all’impossibilità di reggerne il peso fino in fondo?

  6. Rare volte mi è capitato di non riuscire a finire di vedere un film, anche se non mi piaceva, ma questo davvero è troppo da tutti i punti di vista.
    Noioso all’inverosimili.
    Perverso, perchè in fondo le relazioni lesbiche tutti le presentano bene al cinema, quindi perchè un bell’incesto??
    Di pessima qualità!

  7. questo film fa schifo… la regista spero che si metta a fare altro…. ma che smetta di recitare… e soprattuto che non lo considerino come film a tematica lesbica… è un film perverso… è uno dei quei film da trasmettere alle 3 di notte sulle reti private…
    che squallore

  8. lorelei

    Chiamare questo un film è bestemmiare!
    Per l’amor del cielo sottraete la telecamera a questa donna e vietate agli attori di recitare! non ho mai visto nulla di più ridicolo, triste, squallido…pure un bimbo di 2 anni avrebbe saputo fare un’opera più decente…insomma dire un vero schifo è utilizzare un eufemismo!

    PS: francesco quali stupefacenti utilizzi?

  9. Freegull

    E’ incomprensibilmente assurdo quantomeno squallido ….
    Non hanno più nulla da inventare ???
    Si comprende perchè in giro vi sia non più che violenza …
    Orripilante….

  10. francesco

    un bel fil molto passionale e intenso, una perla che spicca nella filmografia italiana.
    Giada è meravigliosa sia come artista che come donna, la sua faccia da piccola innocente e il suo corpo provoca in chi guarda il film lo stesso stato di eccitazione che hanno i personaggi maschi del film verso di lei.

Commenta


Varie

Maria, una prostituta, è legata alla sorella minore Caterina da un rapporto morboso, vissuto serenamente fino a quando Caterina non si innamora di Giovanni, custode della scuola di danza che lei frequenta. La scoperta di Maria della loro relazione è l’inizio del dramma.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.