Après lui

Après lui
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (33 voti)
  • Critica

Cast

Après lui

Camille vede la sua vita distrutta dopo la scomparsa del figlio, Mathieu, in un incidente automobilistico. Incapace a rassegnarsi si aggrappa a Franck, il migliore amico del figlio, nonostante fosse alla guida dell’auto quando avvenne l’incidente e molti lo giudichino il principale responsabile della morte di Mathieu. I parenti e gli amici di Camille non comprendono questo suo comportamento. Ma Camille, incurante dello scandalo, si affeziona sempre più a Franck, ricambiata. Ma poco a poco Franck comprende che l’ossessione di Camille può essere pericolosa…
Nei primi dieci minuti del film, forse i più belli, vediamo Franck e Mathieu che si divertono in camera a truccarsi, a vestirsi da donna e a lottare teneramente, quando vengono scoperti dalla madre Camille che scoppia in una gioiosa risata e si unisce a loro aiutandoli a truccarsi. Nel film comunque non si parla mai di omosessualità, eppure anche questa ultima opera di Gaël Morel, autore di “A toute vitesse” e “Le clan”, ha il fascino di un film gay. Probabilmente per l’insistenza con cui la macchina da presa si sofferma sui bellissimi e seducenti corpi di giovani (tutti belli e seducenti), a cominciare dal promettente Thomas Dumerchez (era il più giovane dei tre fratelli di Le Clan), ma anche per la sensibilità e sensualità che traspare da ogni immagine del film, dalla storia passionale e intensa che racconta. Forse il melodramma rischia a volte di sembrare quasi ridicolo, ma complessivamente ci sembra che il regista gay Morel abbia fatto un altro centro e stia emergendo come uno dei più originali nuovi autori francesi.

Condividi

Un commento

  1. istintosegreto

    Protagonista assoluta: la Deneuve; creatura divina, dalla bellezza che sembra non sfiorire mai. Bravissima nel caratterizzare il dolore di una madre che perde suo figlio. Leggo dalla recensione in alto: “Forse il melodramma rischia a volte di sembrare quasi ridicolo”. Bella cazzata, qui sono in gioco sentimenti veri. Forse l’unica stonatura è rappresentata da una ragazza che compare nella vicenda appena il tempo necessario per precisare che il ragazzo morto non era gay. Non se ne sentiva il bisogno.

Commenta


Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.