L' Appuntamento

L' Appuntamento
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (6 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

L' Appuntamento

Francesco, reso fragile dalla scoperta del tradimento della fidanzata, è ossessionato dalla curiosità di incontrare il suo rivale. Entrambi credono d’essere sconosciuti l’uno all’altro, ma si sbagliano. In un pomeriggio di disperazione, il ragazzo, arriverà alla resa dei conti col suo avversario confessando ciò che lo tormenta a qualcuno che si rivelerà essere non solo uno psicologo. La motivazione del Premio Omovies al film: “per la straordinaria facilità con cui tutti gli elementi tecnici contribuiscono allo sviluppo di una storia complessa e dalle sottili implicazioni psicologiche raccontata con grande naturalezza e sensibilità, riuscendo a coinvolgere lo spettatore, colpendolo con la stessa dirompenza che travolge il protagonista, con un sentimento di odio che sfocia nell’attrazione fisica.”

Visualizza contenuti correlati

Condividi

5 commenti

  1. bosiedouglas

    Mah! quanta faciloneria… un bel protagonista, la solita storia dell’ossessione in salsa psicanalitica, il gioco dei ruoli. maniera calibrata per il gelo di un Ivory mal riuscito. e infine anche la citazione di Jung, per dare peso a ciò che peso non ha. e, nonostante il Maestro, continua a non avere.

  2. De La Croix

    Ho avuto l’onore di vederlo durante OMOVIES e devo ancora fare i complimenti a Daniele per la sua opera. Bella la fotografia, la storia, la regia, gli attori. Davvero ben fatto.

Commenta


trailer: L' Appuntamento

http://player.vimeo.com/video/14093834

Varie

Il film integrale:

———————

Altri premi vinti dal film al Festival Omovies 2010:

Premio Mediateca Santa Sofia: L’ Appuntamento di Daniele Sartori.
Il corto rappresenta una voce originale ed interessante nella rosa dei cortometraggi in concorso. Il regista ha diretto con padronanza i bravissimi attori, e ci ha presentato una storia che, muovendosi in un ambito noir ricco di suspense, ha offerto una possibilità di riflessione allo spettatore. Infatti, realizza una messinscena che, pur lontana dalla pratica effetiva della psicoanalisi, ci svela come il vero oggetto del desiderio del protagonista non è quello che lui consapevolmente crede, ma quello che emerge dal suo inconscio. Questo film è apprezzabile anche perché, illustrando il problema del riconoscimento effettivo del proprioo desiderio, si inscrive appieno nel questioning, ambito cui il festival Omovies ha da sempre riservato un notevole spazio e che, allargandone i confini, lo ha distinto dagli altri festival di cinema gay.

Premio Migliore Sceneggiatura: L’Appuntamento di Daniele Sartori: per come ogni singola inquadratura e ogni dialogo contribuiscono al disvelamento di una storia costruita come un giallo dell’anima e raccontata con grande credibilità e verosimiglianza.

Premio Migliore Fotografia: L’Appuntamento di Daniele Sartori:
per la qualità caravaggesca della fotografia [di Flavio Zattera], che contribuisce fattivamente allo sviluppo narrativo della storia.

Premio Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli: L’ Appuntamento di Daniele Sartori:
per la capacità di mostrare e raccontare, in maniera diretta e realistica, le difficoltà legate all’espressione dei sentimenti e delle sensazioni nel loro conflitto costante con la ragione e l’intelletto, attraverso uno sguardo tecnicamente sapiente, accorto ed ineccepibile, nonché artisticamente lodevole.

Premio Migliore Attore: Leonardo Santini per L’ appuntamento di Daniele Sartori:
per la squisita spontaneità con la quale Francesco Santini interpreta un ruolo complesso che richiede un continuo cambiamento di stato d’animo sostenuto da una non comune capacità di controllo.

————————

Commento del Regista

L’appuntamento è una storia sui confini labili ed ambigui dell’emotività. Racconta di sentimenti forti ma sfumati facilmente confondibili tra loro. Talvolta ciò che ferisce può diventare desiderabile ed affascinante. Il film parla di un pensiero, identico nella mente e nel cuore di due persone distinte, che perciò, pur non conoscendosi, entrano in relazione, al di là del genere di appartenenza e degli orientamenti sessuali. Saper ascoltare quello che l’altro non ha il coraggio di dire, spesso è il segreto per viaggiare in quel territorio emotivo di confine che molti avvertono nel loro animo ma che lasciano inesplorato per il timore del non ritorno.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.