L'amaro sapore del potere

L'amaro sapore del potere
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
  • Critica
Varie

Cast

L'amaro sapore del potere

É l’adattamento di una commedia di Gore Vidal, eseguito da lui stesso. Tratta della spietata lotta tra due concorrenti alla Presidenza. Uno (Henry Fonda), indeciso e perdente, trova un punto di forza scoprendo che l’altro (Cliff Robertson), diabolico ed opportunista, è collegato ad una storia omosessuale. Scopre però che la storia non è vera e deve decidere se combattere il suo avversario con le sue stesse perfide armi. Un film pessimista e disperato anche se Fonda accentuando i connotati eroici del suo personaggio, ci offre qualche motivo di ottimismo. L’omosessualità è naturalmente (siamo nei primi anni ’60) vista come una delle disgrazie peggiori. Ottimi dialoghi e interpretazioni. (In bianco e nero)

Condividi

Commenta


Varie

Corsa alla presidenza degli Stati Uniti. Un candidato liberal e fautore di una politica con le mani nette, ha un avversario conservatore con tanto pelo sullo stomaco. Il liberal rifiuta di fare la campagna a base di calunnie e trabocchetti; cosicché alle primarie si trova in svantaggio. Vincerà un terzo candidato, più onesto del conservatore, ma anche più deciso dell’altro.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.