A qualcuno piace caldo

A qualcuno piace caldo
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT G
  • Media voti utenti
    • (70 voti)
  • Critica
Varie

Cast

A qualcuno piace caldo

Curtis e Lemmon in abiti femminili che entrano in stazione e vedono camminare davanti a loro Marilyn Monroe, al cui passaggio perfino la locomotiva non può restare indifferente, danno vita a uno dei duetti più esilaranti della storia del cinema. La battuta finale del film “nessuno è perfetto” è entrata, con un significato particolarmente liberatorio, nel vocabolario mondiale gay.

Visualizza contenuti correlati

Condividi

8 commenti

  1. Un classico degli anni ’50. Tutti gli attori in gran forma. Il mio film preferito di Marilyn. Anche Tony Curtis e Jack Lemmon divertentissimi nei ruoli femminili. Lo consiglio a tutti

  2. Ho rivisto da poco per l’ennesima volta con estremo godimento questo capolavoro dell’umorismo e dello scintillio ammiccante sulla gaytudine . Concordo con un’ovvietà. Lo stesso film fatto con altri attori sarebbe un flop. E’ evidente che la sua perfezione si basa sull’irresisibile regia del regista Billy Wilder ma sopratutto sulla bravura senza tempo degli attori. Marilyn è mitica ma non da meno sono tutti gli altri comprimari. I pochi che non l’hanno visto non se lo possono perdere. Nessuno è perfetto ma il film lo è .Voto 10.

  3. zonavenerdi

    Una commedia divertente stile anni cinquanta; quando la tematica omosessuale era solo il travestirsi al cinema. Lo stersso film (con altri attori) fatto solo vent’anni dopo avrebbe avuto tutto un altro effetto …

  4. perles75

    come fa a non piacere A qualcuno piace caldo?
    Marilyn ebbe tanti problemi a girare questo film, girato forse in uno dei suoi periodi più bui, ma non traspare dal risultato finale e risulta una bomba in ogni scena. Sceneggiatura ai limiti della perfezione e attori in splendida forma. Senza contare ovviamente il finale da antologia. 10 a mani basse!

  5. istintosegreto

    Un capolavoro senza età. Una delle commedie più esilaranti di tutti i tempi. Una coppia di travestiti d’eccezione. Una Marilyn bella da togliere il fiato. Un finale decisamente audace. Impensabile non vedere questo film almeno una volta nella vita.

  6. elisa placidi

    c’ è solo una parola al mondo per descrivere questo opera cinematografica :MERAVIGLIOSO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! SIMPATI SENTIMENTALE COMICO E ANCHE CON SPIONAGGIO E ROMANTICISMO

  7. Jim Puff

    E’ la commedia del buon’umore x eccellenza: si ride e ci si diverte x un’ora e mezza!
    Il tocco geniale di Billy Wilder è leggero e mai volgare e i 3 attori raggiungono livelli di recitazione alti.
    Siamo stati tutti vittime del fascino mediatico di Marilyn; chi non ha sognato almeno una volta un incontro e ….
    La battuta finale “nessuno è perfetto” è un importante tassello nel difficile puzzle della tolleranza!
    Entusiasmante, da vedere e rivedere!

Commenta


Varie

A Chicago, al tempo del proibizionismo, e precisamente il 29 febbraio 1929, gli uomini di Al Capone uccidono sei gangsters di una banda concorrente. Il massacro avviene all’ interno di un’autorimessa e due musicanti, Joe, suonatore di sassofono e Jerry, suonatore di contrabbasso, ne sono involontari testimoni. Braccati dai banditi, i due riescono a far perdere le loro tracce travestendosi con abiti femminili ed aggregandosi ad un’ orchestra di donne, con la quale collabora come cantante l’avvenente Sugar. Costei è una strana ragazza, che vorrebbe fare un ricco matrimonio, ma nello stesso tempo accarezza il sogno di dare il suo cuore ad un appassionato del jazz. Joe s’ innamora di Sugar, ma si deve fingere donna, cosicchè i loro rapporti sono quelli di due affettuose amiche; Jerry, nelle vesti di un’ affascinante vamp dai riccioli d’ oro, fa innamorare un vecchio ma arzillo ganimede. La vita dei due amici, già abbastanza complicata per questa paradossale situazione, subisce la minaccia di un nuovo scompiglio: in quei giorni si svolge a Miami l’annuale congresso dei gangsters e tra gli intervenuti ci sono gli autori della strage, di cui Joe e Jerry sono stati involontari testimoni. Riconosciuti dal capo della banda Spot Colombo, Joe e Jerry sono nuovamente costretti a fuggire e riusciranno a mettersi in salvo solo dopo aver assistito, sempre involontariamente, ad una nuova e più sanguinosa sparatoria. Grazie ad un improvviso colpo di scena, l’amore che Joe nutre per Sugar giungerà ad una felice conclusione.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.