7 Kinds of Wrath

7 Kinds of Wrath
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT GGG
  • Media voti utenti
    • (1 voti)
  • Critica
Guarda il trailer Varie

Cast

7 Kinds of Wrath

Il film ruota attorno al rapporto di amore e sesso che si instaura tra un archeologo 45-enne di Atene, Petros, ed un ventenne immigrato dall’Egitto, Husam, incontrato durante una missione di lavoro sugli scavi del teatro antico di Argo, in una zona dove abitualmente i gay greci vanno a cercare giovani stranieri. Quello che sembra all’inizio come un veloce incontro sessuale, si sviluppa poi in una relazione vera e propria, con Husam, mussulmano praticante, che proclama il suo amore per Petros, mentre quest’ultimo, appena uscito da una storia fallimentare, è dubbioso ma consenziente.
Attorno a questa relazione, inevitabilmente attraversata da conflitti tra culture diverse, si muove una piccola cerchia di persone, ognuno a suo modo “diverso” ; personaggi con i quali Petros interagisce, ricavandone esperienze in vario modo traumatiche: Laerte e Migen, immigrati albanesi di seconda generazione, che insieme ad una ragazza, Alexandra, formano un trio di musica classica (e anche un trio erotico); Daniel, un gay di successo che crede solo nel potere del denaro; Michael, un poliziotto che vive fuori della realtà. Pedros dovrà pensare ad una soluzione di compromesso che gli permetta di mantenere i suoi legami con queste persone senza perdere il suo equilibrio psichico.
Il film, girato quasi interamente in bianco e nero, ha il suo punto di forza nella descrizione di come l’impatto dello straniero costringa il cittadino greco a dover affrontare scenari lontani dalla sua tradizione e di come le differenze culturali e sociali interferiscano in tema di amore e di desiderio tra individui con estrazioni sociali molto diverse. Tutti temi quanto mai attuali, nelle crisi che attraversano oggi il Mediterraneo.
Christos Voupouras nato a Mytilene nel 1954, è un regista con più di trent’anni di esperienza, che ha più volte affrontato l’argomento delle relazioni tra i greci e gli ‘altri’. (MM)

Condividi

Un commento

  1. solokiefer

    Petros, il protagonista del film, si muove in un bianco e nero raffinato e si sposta tra Atene e il suo paese natale. Ha una storia complicata con un giovane egiziano alla scoperta della propria vita ma non è facile scriverne perché l’intero film è come se fosse un sogno addobbato con continue citazioni colte religiose, storiche e letterarie. Petros è un disperato con grazia che riesce a commuoversi ed innamorarsi, ma la fa con l’indolenza di chi è pronto a subire tutto, soprattutto le angherie del destino.

    Una fotografia del nostro tempo, fatto di problemi di immigrazione e contrasti religiosi, e allo stesso tempo una luce che guarda all’eternità. Un’opera davvero difficile.

Commenta


trailer: 7 Kinds of Wrath

Varie

Petros, a 45-year-old office archaeologist, has just come out of a long term relationship a bit disillusioned by the romantic notion of self-less love. During a professional visit to the ancient theatre of Argos, he will meet Husam, a young Arab immigrant. What originally seems a fleeting encounter between the two men will gradually develop in a fully-fledged relationship with Husam proclaiming deep love and emotion to a suspicious, but condescending Petros. At the same time and as the various chapters of this affair slowly unfold, we watch Petros involved in a matrix of relationships with other people: Laertes and Migen, second generation Albanian immigrants, along with Alexandra form a classical music trio that Petros helps so that they can give their first concert and have their break; Daneel is a gay banker, who believes only in profit; Michael is a weird patrol policeman, who lives somewhere between reality and imagination. This wall-paper of people, whose ideas about relationships and the logistics involved in them are different to his, charms him, seduces him and challenges him. Through the eyes of Petros, we observe a particular almost hypnotic quest of a man for love in Athens, a multi-cultural, Balkan metropolis. And this is the quest of a man, convinced that love does not exist. We observe a mosaic of people, their stories, cultures and how they cross each other and then Petros encountering the many faces of love.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.