L'omoerotismo tirannicida. Le statue di Armodio e Aristogitone: l'eros omoerotico dentro il valore civico
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • EditoriErmes

L'omoerotismo tirannicida. Le statue di Armodio e Aristogitone: l'eros omoerotico dentro il valore civico

Armodio, che viene riparato dal braccio sinistro del compagno più adulto. Quel gesto inavvertito o solo genericamente descritto dalle letture critiche, tese più che altro alla considerazione dei principali contenuti politico-encomiastici del gruppo si fa segno leggibile invece di una categoria interiore trasversale a tutte le epoche e alle geografie e tanto presente nello spirito antico quanto nel nostro: l’omoaffettività. Un uomo della fine del VI secolo a.C., chiamato Aristogitone, che aveva affrontato un rivale, oggi potrebbe chiamarsi Marco, Francesco o Giovanni, e compiere un medesimo atto, allungando poi un braccio come uno scudo su altri Armodio, dai nomi di Mario, Alessandro e Franco, per la reciprocità, l’attaccamento, il calore e il mutuo soccorso che il sentimento di essere in due sempre realizza. Quel gesto del braccio, inventato da Nesiotes e Kritios, fissa dentro un modello di valore civico per la retorica libertaria il segno di un amore.

Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.