Dalla rassegna stampa Arti visive

«Corsa dei Barberi», rivive l’affresco censurato dipinto da Corrado Cagli

…il gerarca che ne ordina la distruzione, un giovanissimo artista — ebreo e omosessuale — che si rifiuta nascondendola per decenni dietro a un tramezzo…

«Corsa dei Barberi», rivive l’affresco censurato dipinto da Corrado Cagli

Nell’ex sede dell’Opera nazionale Balilla, oggi Accademia nazionale di danza, parte il restauro del dipinto murale del 1935, salvato grazie a una falsa parete in cartongesso

di Edoardo Sassi


Corrado Cagli, particolare del dipinto nell’ex biblioteca dell’Opera nazionale Balilla Corrado Cagli, particolare del dipinto nell’ex biblioteca dell’Opera nazionale

L’opera censurata, il gerarca che ne ordina la distruzione, un giovanissimo artista — ebreo e omosessuale — che si rifiuta nascondendola per decenni dietro a un tramezzo costruito con i militanti antifascisti di Porta Metronia. Poi l’usura, il lento degrado e infine — storia di oggi — il restauro che partirà a breve e si concluderà entro il 2019. Sembra quasi la trama di un film alla Rossellini, e invece è la storia (vera) di un’opera d’arte murale del 1935 dipinta da Corrado Cagli, pittore allora venticinquenne ma con già una fitta carriera alle spalle.

Tre metri per otto di superfice nell’ex Castello dei Cesari
L’opera, circa tre metri per otto di superficie, è una Corsa dei Barberi che occupa la parete di un’aula al primo piano dell’Accademia Nazionale di Danza, sul colle Aventino. Un edificio in origine denominato Castello dei Cesari, eretto sui resti di antiche Terme e che fu, negli anni Trenta del Novecento, sede dell’Opera nazionale Balilla e poi Casa della Gioventù Italiana, realizzato dall’architetto Gaetano Minnucci in stile razionalista. Dominus di quell’istituzione e dunque committente dell’opera di Cagli nella (ex) biblioteca, il fascistissimo Renato Ricci, più volte sottosegretario e ministro con Mussolini, al quale non dovette piacere quella raffigurazione — fortemente espressiva, per niente vigorosa, edificante o marziale — di un momento tipico del Carnevale di tradizione papalina poi abolito dai Savoia: la corsa durante la quale cavalli allo stato brado attraversavano via del Corso.

Il «no» di Renato Ricci, gerarca fascista, e il ritorno alla luce nel 1945
L’assenza di documenti a oggi non chiarisce le cause del niet di Ricci (escluso il tema, che sarà ripreso anni dopo nell’edifico dell’attuale Anagrafe da un altro pittore, Orfeo Tamburi). Si sa comunque che Cagli — che per quel lavoro ebbe come assistenti Mirko Basaldella e Aldo Salvadori — riuscì a preservare l’opera coprendola con un falso muro in cartongesso. Corsa dei Barberi tornerà alla luce solo dopo il 1945 per volere di Mirko, quando Cagli — fuggito dall’Italia in seguito alle leggi razziali e arruolato nell’esercito Usa — non aveva ancora fatto ritorno a Roma, città che lo aveva visto protagonista soprattutto negli anni della galleria d’arte La Cometa, da lui animata con Libero De Libero. Fu proprio intorno alla Cometa, finanziata dalla nobildonna Mimì Pecci Blunt, nipote di papa Leone XIII, e chiusa con un pretesto dalle autorità fasciste nel 1938, che si raccolse una fetta di intellighentia in odore di fronda.

L’intervento diretto dall’Iscr, finanziato dalla Ruth Stanton Foundation
Fin qui, la storia. Ora invece, con 100mila euro messi a disposizione dalla Ruth Stanton Foundation di NY, con la collaborazione di LoveItaly — il restauro di parti dell’edificio e in particolare di questo lavoro pittorico di Cagli, tanto malandato quanto carico di memorie. Un intervento inserito in un più ampio progetto di valorizzazione della sede dell’Accademia e presentato ieri, tra gli altri, da Ester Coen, presidente dell’istituzione, e Luigi Ficacci, direttore dell’Istituto superiore per la Conservazione e il Restauro.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.