Dalla rassegna stampa Movimento LGBT

Rimini summer pride 2018, in migliaia sfilano sul lungomare

da ANSA

Gay: al via il Rimini Summer Pride

Alla sfilata sul Lungomare anche legale Lgbt minacciata di morte

(ANSA) – RIMINI, 26 LUG – Dopo tante critiche, anche in mattinata con la ‘processione riparatrice’, è esplosa verso sera sul Lungomare la gioia dell’orgoglio Lgbt al Rimini Summer Pride. Carri colorati e tanta musica, con i sound system montati sui Tir, accompagnati anche dai furgoncini dell’Anpi di Santarcangelo e del movimento delle donne ‘Nonunadimeno’, accanto a tante bandiere arcobaleno. Dietro lo striscione d’apertura anche Cathy La Torre, legale Lgbt più volte minacciata di morte, a Rimini scortata, accanto al presidente nazionale Arcigay, Flavio Romani e allo storico leader del movimento Franco Grillini. Una festa ben accolta dal Comune: “L’unica maniera per affermare i nostri diritti è promuovere i diritti degli altri”, aveva sottolineato nei giorni scorsi il sindaco Pd di Rimini, Andrea Gnassi, annunciato sul palco come Emma Petitti, assessora regionale alle Pari opportunità.
Presentando il Pride, l’Arcigay locale aveva denunciato un clima che “non permette ottimismo” con “alcuni ministri e politici” dal dito puntato.


da Il Resto del Carlino
Rimini summer pride 2018, in migliaia sfilano sul lungomare

C’è stata una forte partecipazione da tutta Italia, e alcuni sono arrivati anche dall’estero

di MANUEL SPADAZZI

Rimini, 28 luglio 2018 – Un lungomare colorato come non mai. Tanti vestiti come se fosse Carnevale. Ma il Rimini summer pride “non è una carnevalata – dice fiero Marco Tonti, presidente dell’Arcigay di Rimini – Anzi, è diventata una delle più seguite manifestazioni antifasciste che ci sia. E’ la risposta agli ignobili striscioni di Forza Nuova”.

Sono state oggi le persone a sfilare alla parata dell’orgoglio gay sul lungomare di Rimini. Quattro o forse anche 5mila i partecipanti al corteo, mentre per gli organizzatori il weekend del Rimini summer pride (compresa la festa finale di stasera in piazzale Fellini) ha coinvolto quasi 30mila persone. Al di là dei numeri, c’è stata una forte partecipazione da tutta Italia, e alcuni sono arrivati anche dall’estero.

Fra i primi in testa al corteo anche Flavio Romani, presidente nazionale di Arcigay, Franco Grillini, storico leader del movimento, e Cathy La Torre, l’avvocato per i diritti Lgbt, più volte minacciata di morte. In prima fila anche l’assessore regionale Emma Petitti e il consigliere regionale Nadia Rossi, poi è arrivato anche il sindaco Andrea Gnassi, che è intervenuto sul palco in piazzale Fellini insieme ad altri ospiti. Stasera è atteso anche il saluto dell’attrice Serena Grandi.


da Corriere.it

Rimini, in 250 alla «processione riparatrice» prima del Gay Pride

Con il comitato cattolico tradizionalista Beata Giovanna Scopelli hanno sfilato anche alcuni attivisti di Forza Nuova

BOLOGNA — La processione riparatrice che anticipa il Gay Pride. È andata in scena a Rimini e vi hanno partecipato 250 persone lungo le vie del centro storico, dalla Chiesa di San Gaudenzo in Piazza Mazzini fino alla Chiesa del Suffragio in Piazza Ferrari. La «processione di riparazione pubblica» è stata indetta dal comitato cattolico tradizionalista Beata Giovanna Scopelli di Reggio Emilia in occasione del Summer Pride, manifestazione dell’orgoglio Lgbt in programma nel tardo pomeriggio di sabato sul Lungomare di Rimini. Davanti alla chiesa — attorniati discretamente dalle forze dell’ordine che li hanno scortati lungo il cammino — i partecipanti si sono raccolti in preghiera prima di muoversi per le strade recitando le Litanie dei Santi. A comporre il drappello, fedeli giunti da Parma, Reggio Emilia, Forlì, Ravenna e Modena, oltre ai padroni di casa riminesi. Molte le famiglie con bambini e passeggini, in diversi hanno sfilato indossando magliette con la scritta «Instaurare Omnia in Christo». C’erano anche alcuni attivisti locali di Forza Nuova in maglietta nera con la scritta Identità Tradizione e tre aderenti all’associazione femminile forzanovista Evita Peron con i loro bimbi nel passeggino. Il parroco modenese don Giorgio Bellei, prima della processione, ha spiegato come non vada considerata «una manifestazione ma una preghiera di riparazione, con la forma liturgica della Processione», il cui «scopo primario non è sfilare in strada ma fare un’offerta pubblica a Dio in riparazione di uno scandalo, ugualmente pubblico. L’obiettivo del Comitato non è protestare politicamente contro le cosiddette unioni civili, che in ogni caso sono da condannare fermamente» quanto porre rimedio all’«atto contro natura».


da Gazzetta di parma

Processione “riparatrice” contro il gay pride: partecipanti anche da Parma

I cattolici tradizionalisti sfilano e pregano Gay: ‘processione riparatrice’ contro Summer Pride

Oltre 250 persone hanno sfilato lungo le vie del centro storico di Rimini – dalla Chiesa di San Gaudenzo in Piazza Mazzini fino alla Chiesa del Suffragio in Piazza Ferrari – per la “processione di riparazione pubblica”, indetta dal comitato cattolico tradizionalista “Beata Giovanna Scopelli” di Reggio Emilia in occasione del “Summer Pride”, manifestazione dell’orgoglio Lgbt in programma nel tardo pomeriggio sul Lungomare di Rimini. Davanti alla chiesa dedicata al patrono cittadino – attorniati discretamente dalle forze dell’ordine che li hanno scortati lungo il cammino – i partecipanti si sono raccolti in preghiera prima di muoversi per le strade recitando le Litanie dei Santi. A comporre il drappello, fedeli giunti da Parma, Reggio Emilia, Forlì, Ravenna e Modena, oltre ai “padroni di casa” riminesi. Molte le famiglie con bambini e passeggini, in diversi hanno sfilato con indosso magliette con su scritto “Instaurare Omnia in Christo”. C’erano anche alcuni attivisti locali di Forza Nuova in maglietta nera con la scritta “Identità Tradizione” e tre aderenti all’associazione femminile forzanovista ‘Evita Peron’ con i loro bimbi nel passeggino.


da RiminiToday
Parte il Summer Pride, in migliaia per l’orgoglio omosessuale

La parata iniziata in piazzale Benedetto Croce prosegue per il lungomare di Rimini fino a piazzale Fellini

Piazzale Benedetto Croce ha iniziato ad animarsi nel tardo pomeriggio di sabato e, alle 18.30, erano già diverse migliaia gli omosessuali che si sono dati appuntamento per la sfilata del Summer Pride di Rimini. Sul lungomare, chiuso al traffico e presidiato dalle forze dell’ordine, la parata dei carri fino a piazzale Fellini dove si cncluderà la manifestazione in serata. “Eravamo in 30mila – dichiara Marco Tonti, prescindete dell’Arcigay Rimini. – Anche quet’anno, il terzo consecutivo, è uno straordinario succeso numeri e qualità. Grazie alla fama mondiale di Rimini sono presenti partecipanti da tutto il mondo, persino dal Brasile, e i pacchetti vacanze che avevamo proposto sono andati a ruba esaurendosi in pochi giorni, segno di un interesse sempre più ampio e strutturato per il Summer Pride. La magia del Summer Pride è quella di coniugare il benessere e il relax delle vacanze con la lotta per i diritti e la parità, il romanticismo dei tramonti e della musica con la forza della battaglia di libertà di amare ed essere amati. Anche quest’anno un succeso in crescita esponenziale, in crescita per lo spirito, per la partecipazione civile e per la città”.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.