Dalla rassegna stampa Politica

Famiglia Cristiana, affondo su Salvini: «Vade retro» Lui: pessimo gusto

Famiglia Cristiana, affondo su Salvini: «Vade retro» Lui: pessimo gusto

di Giuseppe Alberto Falci

ROMALa Chiesa risponde ai toni duri usati dal ministro dell’Interno Matteo Salvini sul tema dei migranti. E lo fa servendosi del settimanale Famiglia Cristiana, da oggi in edicola. Per replicare alle prese di posizione del titolare del Viminale sugli stranieri in Italia la copertina è inequivocabile. Si vede una mano che si leva verso il volto del leader del Carroccio, accompagnata da un titolo sotto che recita così: «Vade retro Salvini».

Quando la notizia della copertina del settimanale si diffonde e arriva nei palazzi della politica il ministro dell’Interno si trova al Senato. Non sa ancora nulla. A un certo punto, quando esce da un’audizione viene però preso d’assalto dai cronisti che gli riferiscono del titolo di copertina. Salvini è sorpreso, non si aspettava un’uscita di tale portata. «Ciumbia, addirittura Satana?», è la reazione. Poi si ferma un attimo, riflette qualche secondo, e replica ancora.

Se c’è una cosa che non accetta è quella sentirsi paragonare a Satana. Infatti sbotta: «Mi sembra di pessimo gusto. Io non pretendo di dare lezioni a nessuno, sono l’ultimo dei buoni cristiani, ma non penso di meritare l’accostamento al diavolo». Il che lo induce a far sapere di «avere quotidianamente il sostegno di tante donne e uomini di Chiesa. C’è modo e modo di pensarla anche all’interno delle gerarchie ecclesiastiche. Il catechismo — chiosa — dice che l’accoglienza è un dovere nella misura del possibile ed in Italia la misura è colma». Dopo l’ennesima tragedia in mare il settimanale apre l’inchiesta con le riflessioni della Conferenza episcopale e ricorda i 1.490 morti dal 1 gennaio 2018. «Come pastori non pretendiamo di offrire buone soluzioni a buon mercato. Rispetto a quanto accade non intendiamo, però, né volgere lo sguardo altrove, né far nostre parole sprezzanti e atteggiamenti…».

L’obiettivo di Famiglia Cristiana è certamente Salvini ma il condirettore Luciano Regolo, precisa in un video, che «non c’è nulla di personale, nulla di ideologico».

La notizia fa il giro del palazzo e scatena in un attimo la reazione degli avversari dell’inquilino del Viminale. In particolare è l’ex premier Matteo Renzi il primo a reagire: «Se in campagna elettorale mostri in modo strumentale il rosario. Se fai finta di giurare sul Vangelo. Se fai le battaglie per il crocifisso nelle sale pubbliche. Se fai tutto questo, non hai il diritto di arrabbiarti per una copertina di Famiglia Cristiana». Poi tocca a Ettore Rosato: «Non capita di frequente che il giornale cattolico scenda in campo così vistosamente».

Roberto Fico, presidente della Camera e critico nei confronti di Salvini, preferisce non replicare: «Non commento». Dura invece la leghista Barbara Saltamartini: «Spiace constatare che Famiglia Cristiana sia diventato un organo di stampa politico. Oggi paragonare Salvini a Satana significa schierarsi dalla parte degli scafisti e dei commercianti di esseri umani».


Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.