Dalla rassegna stampa Cronaca

Preti gay, c’è anche un caso di pedofiliaLa Curia apre un’inchiesta sul dossier

IL CASO DOPO LA CONSEGNA DI UN DOSSIER

Gay e pedofili in abito talareIndaga la Curia

Preti Gay che chattano tra loro e combinano festini hard; sacerdoti che pagano escort con ricariche per Postepay o promettono assunzioni come autisti, professori di religione nelle scuole pubbliche; un prete sotto processo per pedofilia che continua a intrattenersi con prostituti. Una cinquanta i sacerdoti coinvolti, almeno sette i seminaristi.

C’è di tutto nel dossier di 1300 pagine presentato alla Curia di Napoli da Francesco Mangiacapra, l’ex escort napoletano autore del libro Il numero uno . Il plico con nomi, cognomi, diocesi di appartenenza, numeri di cellulare, videochat pornografiche, è stato consegnato alle autorità ecclesiastiche. E ieri la stessa Curia ha annunciato l’avvio di una indagine e la trasmissione degli atti alle varie Diocesi. «Non è una vendetta — dice Mangiacapra —ma un gesto per smascherare l’ipocrisia del clero».

Preti gay, c’è anche un caso di pedofiliaLa Curia apre un’inchiesta sul dossier

La denuncia dell’ex escort Mangiacapra: milletrecento pagine con chat e video a luci rosse

Roberto Russo

NAPOLI C’è il prete che paga i suoi occasionali compagni con ricariche su Postepay, il monsignore che gira in auto di lusso spacciandosi per diplomatico e promettendo posti da autista. C’è il professore di religione che predica il Vangelo ai suoi alunni e poi si presenta in videochat mentre compie atti di autoerotismo. C’è il seminarista che sfugge alla solitudine chattando sul sito per incontri gay «Grindr» dove recupera altri amici per serate hard.

E ancora: il sacerdote che vanta la sua amicizia con una star italiana della musica pop e che non rinuncia alle serate a luci rosse. Ci sono foto di sacerdoti giovani e palestrati che si mostrano nudi e discutono di appuntamenti hot. Ma c’è anche di peggio: come un sacerdote sotto processo per pedofilia che continua a invitare amici e consumare rapporti sessuali (si spera non con minori).

Un corposo dossier di 1.300 pagine quello raccolto da Francesco Mangiacapra, ex avvocato e ormai ex escort di molti sacerdoti. Un plico con nomi e cognomi, ma anche immagini esplicite, numeri di telefono e fotogrammi di chat che ritraggono almeno cinquanta tra preti e seminaristi la maggior parte dei quali sparsi nel Mezzogiorno (ma anche due che prestano la loro opera non lontano dal Vaticano). Una rete di preti che, in barba al voto di castità, praticano tranquillamente sesso tra loro e con escort maschi a pagamento.

Mercoledì scorso quel dossier è stato consegnato da Mangiacapra nelle mani di monsignor Luigi Ortagli, della cancelleria della Curia di Napoli. Ieri la Curia ha diffuso una nota con cui si fa sapere che «il materiale verrà opportunamente esaminato per essere trasmesso alle Diocesi interessate per le necessarie valutazioni». La Curia insomma vuole vederci chiaro e avvia un’indagine su quello che rischia di diventare un clamoroso scandalo, l’ennesimo dopo il disvelamento degli incontri hard che hanno portato all’allontanamento nei mesi scorsi dell’ex sacerdote di Santa Maria degli Angeli al Monte di Dio.

Tre sono i sacerdoti napoletani che compaiono nel dossier. Almeno una dozzina le diocesi interessate. Per la Campania oltre a Napoli, Pozzuoli, Caserta e Salerno. Molti anche i casi registrati in Basilicata, in Puglia, in Calabria e in Sicilia. Insomma, si tratta di un terremoto nella Chiesa annunciato già nei mesi scorsi, quando Francesco Mangiacapra pubblicò il libro «Il numero uno», le memorie di un escort, in cui squarciava il velo sulle abitudini sessuali di molti uomini di chiesa.

Resta una domanda di fondo: perché un escort decide di tradire la fiducia dei suoi clienti e di metterli alla berlina? Risponde Mangiacapra: «Ormai sono un ex escort perché a trent’anni e passa mi ritengono troppo vecchio per quelle cose lì e io ho deciso di smettere con quella vita». E dunque cos’è, una vendetta?

«No, io non ho mai ricattato nessuno. Ho denunciato — e non sono solo in questa mia scelta — è perché ritengo che dobbiamo smascherare una grave ipocrisia. I preti si oppongono alla libertà sessuale, condannano in pubblico ciò che loro perseguono in privato e segretamente. La libertà sessuale degli individui è sacra, è la base di tutte le libertà, ecco perché anche la loro privacy mi appare secondaria rispetto alla promozione della loro stessa dignità, all’accettazione di sé, costi quel che costi».

————

SI INDAGA SULLA SUA VITA PRIVATA

Esorcismi e abusi,lunedì interrogatoriodi don Michele

napoli Si terrà probabilmente lunedì l’interrogatorio di garanzia del sacerdote del Santuario di Casapesenna don Michele Barone, finito ieri in carcere su ordine del gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di giovani ragazze che avrebbe sottoposto senza autorizzazione della Diocesi a riti esorcistici, spesso con l’ausilio degli stessi familiari della vittima.

In manette, ai domiciliari, sono finiti anche i genitori di una ragazza di 13 anni cui sarebbero stati praticati i riti — la sorella denunciò il fatto alla polizia e alle Iene — e un funzionario della polizia di Stato Luigi Schettino, ex dirigente fino a pochi giorni fa del commissariato di Maddaloni, amico di don Michele e ritenuto dagli inquirenti della Procura di Santa Maria Capua Vetere come un «adepto» della «setta» creata dal sacerdote, protagonista del tentativo di coprire le condotte di Barone. Per i tre indagati gli interrogatori di garanzia ci saranno dopo quello del sacerdote.

Il giorno dopo le manette, arrivate poche settimane dall’inizio delle indagini, la Procura prosegue intanto nei suoi accertamenti relativi alla vita di don Michele; in particolare si vuole capire se il sacerdote sia stato coperto nella sua attività da qualcuno all’interno della diocesi. Don Michele, comunque, fanno notare dalla Procura, non aveva uno stile di vita povero, anzi guidava una Bmw dove all’interno – ritengono gli inquirenti – si sarebbero anche consumati episodi di abusi sessuali. Il prete, giornalista pubblicista, è stato sospeso dall’Ordine dei giornalisti della Campania.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.