Dalla rassegna stampa Tempo libero

Approda a Viareggio il veliero dei crocieristi gay

Approda a Viareggio il veliero dei crocieristi gay

Il Royal Clipper asseconda l’ultima tendenza delle vacanze in alto mare: l’offerta personalizzata

di Donatella Francesconi

VIAREGGIO. Impossibile non notarla, alla fonda davanti alla spiaggia di Viareggio, per un’intera giornata: “Royal Clipper”, imponente veliero a 5 alberi e 42 vele, unico al mondo di tale dimensione, ispirato al leggendario Preussen, la goletta considerata nel secolo scorso la più grande e veloce in circolazione. Lunga 134 metri e con una capienza di 228 passeggeri, la nave da crociera di bandiera maltese ha ammainato le sue vele nella rada antistante Viareggio intorno alle 8 di ieri mattina, per riprendere il largo intorno alle 22,30.

La sosta della nave in città è curata per conto dell’armatore dalle Agenzie Marittime Gruppo Vannucci di Benvenuto e Paolo Vannucci. Da Roma a Cannes, costi a partire da 3.249 euro a persona, la crociera a bordo del veliero insegue l’ultima tendenza per questo tipo di vacanza: l’offerta “personalizzata”, in questo caso diretta ad un clientela esclusivamente gay. L’imbarcazione è dotata di tre piscine, una piattaforma per i tuffi in mare, un beauty centre – il “Captain Nemo” – con thalassoterapia, massaggi, idroterapia ed altre cure di benessere.

In un’estate che ha visto presenze croceristiche si contano sulle dita di una mano, il “colpo” messo a segno dalla storica Agenzia marittima Vannucci è stato davvero degno di nota. Circa metà dei passeggeri sono sbarcati per visitare la città, mentre l’altra metà è partita su alcuni autobus alla volta di Pisa, Lucca e Firenze. Uno sbarco avvenuto – sottolinea Benvenuto Vannucci – «utilizzando tender di ultimissima generazione, tutti da ammirare». Segno dell’evoluzione del format crociera per le vacanza in alto mare.

All’arrivo in rada, il comandante del veliero, Borowka Brunon ha incontrato, per i saluti istituzionali ed il tradizionale scambio di crest, il comandante in seconda della Capitaneria di Viareggio, Federico Giorgi, Paola Pimpinella, per l’Agenzia delle Dogane- Sezione operativa territoriale di Viareggio, e l’assessore al turismo Patrizia Lombardi.

Il personale della Capitaneria, dell’Agenzia delle Dogane, del commissariato di polizia e dell’Autorità portuale regionale ha coordinato tutte le operazioni di security e di sbarco ed imbarco passeggeri. Operazioni oggi consentite nella massima sicurezza – ricorda una nota della Capitaneria – grazie «alla recente approvazione, dopo un articolato iter istruttorio, della valutazione di sicurezza del porto di Viareggio e della realizzazione nel tratto terminale della sponda nord del canale Burlamacca della “Port facility” certificata a livello internazionale con la sigla ITVIA-001 ed inserita nel database Gisis gestito dall’Imo».

Rimane tutta aperta una questione che in sede di compimento delle procedure non è stata affrontate, ed è in credibile: il rientro in notturna, per far godere della Versilia “by night” i passeggeri delle crociere che si spera sempre più numerose, o anche solo per evitare di farli strozzare in cene frettolosissime. Sulla brochure della crociera gay il benvenuto di Giorgio Del Ghingaro recita: «Il sindaco di Viareggio estende il suo personale invito ai viaggiatori gay e li assicura che troveranno una molteplicità di cosa da fare in questa porzione balneare d’Italia». Anche di sera, andrebbe però aggiunto…

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.