Dalla rassegna stampa Sport

Daley, la piattaforma della felicità: convolare a nozze (gay)

Daley, la piattaforma della felicità: convolare a nozze (gay)

di Stefano Arcobelli

Costretto a cambiare scuola, perché sbeffeggiato. Anche drammaticamente orfano di papà, morto a 40 anni di cancro nel 2011, dopo avergli contagiato la passione per i tuffi. Prima fidanzato con una compagna (Tonia Couch), a Pechino 2008; poi un’omosessualità negata, quindi rivelata. E sabato il matrimonio con colui che lo ha reso davvero felice, nel corso di una carriera da piattaformista cominciata ad essere ricca a 14 anni e ancora piena, intensa. Tom Daley in estrema sintesi è nato personaggio, non solo campione. Con le nozze si è completato.

Il coming out lo fece a 19 anni:“In primavera la mia vita è cambiata moltissimo quando ho incontrato una persona capace di farmi sentire felice e al sicuro. E quella persona è un uomo”. Poteva non sposarlo? “Papà mi ha sempre detto: ‘finché sei felice tu, sono felice anch’io. Anche mia mamma mi è stata vicina, e così anche la mia famiglia e gli amici. Voglio ancora vincere medaglie, sono ancora motivato”. Ma soprattutto si è sposato con l’uomo della sua vita: Dustin Lance Black, regista e sceneggiatore americano, premio Oscar 2008 – quando Tom non era gay – per il film “Milk”, storia del primo gay dichiarato ad essere eletto a una carica politica negli Stati Uniti.

È stato un sabato toccante, in un castello poco distante da Plymouth, nella campagna del Devonshire. Il campionissimo dei tuffi Tom Daley, che avevamo lasciato distrutto a bordo vasca a Rio de Janeiro, quando la sua ultima Olimpiade si è tramutata in un disastro completo, ha coronato il suo sogno d’amore, diventando sposo del suo Dustin Lance Black, regista e sceneggiatore americano, premio Oscar nel 2008 per il film “Milk”, storia del primo gay dichiarato ad essere eletto a una carica politica negli Stati Uniti. Daley aveva aveva fatto coming out nel 2013, svelando in un video postato su YouTube di avere una relazione gay. Poi l’annuncio, 19 mesi fa, del fidanzamento con Dustin. Da sabato i due sono sposi. Daley a Rio aveva conquistato la semifinale con una serie spaziale, con quattro 10 e un quadruplo e mezzo avanti da 103.60, poi in semifinale una serie di tutti inguardabili, da principiante, che valevano l’ultimo posto per chi, due volte campione del mondo e 4 volte campione d’Europa, era andato a Rio per chiudere il cerchio con un oro olimpico.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.