Dalla rassegna stampa Amministrazioni

Edilizia popolare, ok alla graduatoria anche per unioni civili e omosessuali

Edilizia popolare, ok alla graduatoria anche per unioni civili e omosessuali

Approvato il nuovo regolamento per l’assegnazione e la gestione di alloggi di edilizia residenziale pubblica

Col voto della maggioranza (17 i voti favorevoli, 6 contrari, 4 le stensioni) il Consiglio comunale ha approvato nella seduta di ieri sera il nuovo regolamento per l’assegnazione e la gestione di alloggi di edilizia residenziale pubblica. Un provvedimento che introduce diverse novità prima fra tutte la parità di condizioni per i conviventi di fatto e nuovi requisiti economici per l’accesso e il mantenimento negli alloggi di edilizia residenziale pubblica. In particolare, col recepimento della recente legge statale “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze” viene riconosciuta ai conviventi di fatto il diritto al subentro nel contratto di locazione e l’accesso all’Erp in condizioni di parità rispetto alle coppie unite da vincoli di matrimonio e alle unioni civili.

Verranno così considerate valide le domande provenienti da conviventi more uxorio dal momento in cui è stata instaurata la convivenza. Il nuovo regolamento recepisce inoltre i requisiti economici per l’accesso e la permanenza negli alloggi di edilizia residenziale pubblica nonché le modalità per il calcolo e l’applicazione dei canoni Erp, indicati dalla nuova normativa regionale. Il Consiglio comunale ha poi discusso, respingendola a maggioranza, la mozione presentata dal consigliere Gioenzo Renzi che chiedeva l’ annullamento del progetto “un mare lungo un miglio” approvato dalla Giunta comunale 22 dicembre scorso.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.