Dalla rassegna stampa Costume

Candelora, significato e perché si festeggia oggi

Un nome che deriva dalla tradizione popolare. E in Irpinia è la “festa dei femminielli”

Candelora, significato e perché si festeggia oggi
Un nome che deriva dalla tradizione popolare. E in Irpinia è la “festa dei femminielli”

Roma, 2 febbraio 2017 – Buona Candelora a tutti. Una festa religiosa che non in tutta Italia viene vissuta con lo stesso trasporto e, anzi, in molti non conoscono neppure. Prima di tutto il significato: tecnicamente, per la Chiesa Cattolica il 2 febbraio si celebra la presentazione di Gesù al Tempio. Il nome ‘Candelora’ viene attribuito dalla tradizione popolare perché oggi si benedicono le candele, simbolo di Cristo “luce per illuminare le genti”. Fu per questo, per portare luce alle genti, che il vecchio Simeone – secondo il Vangelo – chiamò Gesù durante l’episodio della presentazione al tempio, prescritta per i primogeniti maschi dalla legge giudaica.

La Candelora è anche chiamata festa della Purificazione di Maria perché cade esattamente 40 giorni dopo il 25 dicembre. Secondo l’usanza ebraica, una donna era considerata impura del sangue mestruale per un periodo di 40 giorni dopo il parto di un maschio. Per questo motivo doveva andare al Tempio per purificarsi.

Gli antichi festeggiavano la Candelora 40 giorni dopo l’Epifania, ovvero il 14 febbraio. Lo testimonia Egeria nel suo Itinerarium Egeriae. Il nome ‘Candelolra’, quasi gergale, risale ovviamente al parlato popolare e si rifà alla somiglianza con il rito del Lucernare, citato sempre da Egeria. “Si accendono tutte le lampade e i ceri, facendo così una luce grandissima” (Itinerarium 24, 4). Il rito assomigliava ai Lupercali, antichissima festività romana che si celebrava proprio in questo periodo con fiaccolate. L’idea di base era sempre quella della purificazione. Celebrazioni della ‘luce’ esistevano anche in età pre-cristiana: secondo alcuni la ‘Candelora’ sarebbe stata introdotta proprio per sostituire una festività esistente.

Ci sono diversi proverbi legati a questo giorno. Un detto latino, tradotto, rivela che “se il sole ammicca il giorno della Candelora, seguirà un freddo ben peggiore di prima”. A Trieste si suol dire: “Candelora piova e Bora, del’inverno semo fora; Candelora sol e vento del’inverno semo dentro!”.

IRPINIA – In Campania la Candelora viene celebrata, per motivazioni diverse, con un grande evento da migliaia di persone omosessuali (e non solo). Dai locali viene definita la “Festa dei femminielli”. A Montevergine la “Juta” è ormai una festa tra il sacro e profano: il 2 febbraio si ricorda quel giorno del 1256 quando la Madonna di Montevegine, che tutti chiamano Mamma Schiavona, commossa dal sentimento di due amanti omosessuali incatenati sulla montagna e condannati a morire di freddo e fame, e addirittura sbranati dai lupi, li salvò scaldandoli con la sua luce. La “Juta” si festeggia con balli pagani, abiti appariscenti, nonostante in passato ci siano stati momenti di scontro con l’abate di Montevergine. Anche oggi, come succede da anni ormai, madrina dell’evento sarà Vladimir Luxuria. Presenti anche tante associazioni per i diritti omosessuali.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.