Dalla rassegna stampa Libri

Dibattito col militante gay. I liceali criticano la Lega

Cecina, I giovani studenti cecinesi in larga maggioranza contro l’intromissione politica al liceo Fermi

Applausi a scena aperta per l’autore e brusii di disapprovazione per l’intervento della Lega Nord. Al di là di ogni giudizio politico sulla polemica per la presenza dello scrittore e militante gay Giovanni Dall’Orto al liceo Fermi di Cecina, la reazione del pubblico nella serata di venerdì 11 marzo è stata chiara. Una platea di oltre 150 persone composta, come tradizione dell’iniziativa “Pratiche filosofiche e proposte di valori”, da giovani studenti dell’istituto cecinese.
E proprio i liceali, prima sui social network e poi direttamente al dibattito di ieri, hanno fatto capire di non aver gradito l’intervento dei giovani leghisti cecinesi.
«Ho seguito l’esposizione di Dall’Orto di questa sera e il putiferio scatenato è fuori luogo – ha spiegato una studentessa – è stato un incontro utile per discutere e confrontarsi, non certo, come ho letto sui giornali, per forgiare le menti al fine di dare un indirizzo politico». Alcune delle frasi dell’intervento di Dall’Orto, però, alla Lega sono sembrate comunque fortemente impregnate di una ideologia di parte. Come quando l’attivista gay ha toccato il delicato tema dei preti pedofili e legando l’argomentazione a Papa Francesco.
«Per quanto è stato detto stasera (venerdì ndr) non mi pare che ci fosse l’idea di volerci plagiare – ha detto un altro studente del Fermi – poi è stata data la parola a chiunque volesse intervenire, leghisti compresi. Trovo la polemica molto stucchevole».

L’ingresso della politica in questa iniziativa, dunque, pare non essere piaciuto. «Sono al quarto anno del liceo scientifico e non ho mai avuto l’impressione che qualcuno volesse plagiarmi o indirizzarmi politicamente – confessa un altro studente del Fermi – nonostante i leghisti si siano messi il bavaglio ad inizio serata, alla fine mi pare che abbiamo parlato. E il loro intervento mi sembrava alla pura ricerca di visibilità».
Un dibattito che anche nei giorni precedenti aveva occupato ampio spazio nelle bacheche di Facebook dei ragazzi del Fermi. Anche sui social, in gran parte, a difesa della scelta di invitare Giovanni Dall’Orto. Come hanno dimostrato gli applausi convinti ad ogni intervento dell’autore del libro sull’omosessualità nella storia e i brusii, quando non i commenti di disapprovazione e qualche fischio, agli interventi della Lega Nord

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.