Dalla rassegna stampa Televisione

Ragion di Stato con Luca Argentero: anticipazioni prima puntata

Lunedì 12 gennaio alle 21.15 andrà in onda la prima parte della miniserie Ragion di Stato, la spy story con protagonisti Luca Argentero e Anna Foglietta…

Lunedì 12 gennaio alle 21.15 andrà in onda la prima parte della miniserie Ragion di Stato, la spy story con protagonisti Luca Argentero e Anna Foglietta. I due interpreteranno degli agenti dell’Aise: Rosso e Stella, impegnati in una missione in Afghanistan guidata dalla Nato; ed è proprio dall’Afghanistan che la storia si snoda e prende vita. Il capitano Rosso, insieme al colonnello Fontana (interpretato da Andrea Todini) si trovano sul posto per trattare una tregua con i capi tribù, ma i due subiscono un’imboscata e a pagarne il prezzo sarà proprio Fontana, che varrà preso come ostaggio. Così, una volta rientrato in Italia, Rosso e Stella vengono incaricati dal capo dei Servizi di seguire la pista che porterà alla liberazione di Fontana: il piano prevede uno scambio, il cui protagonista è un potente uomo libanese, Rashid. Rashid offre il suo aiuto all’Aise per la liberazione di Fontana, a patto che sua figlia Fatma, gravemente malata, sia curata in Italia. Dietro questa trama intricata si nasconde, come afferma lo stesso Argentero, anche una romantica storia d’amore: quella tra Rosso e Rania, madre di Fatma e moglie di Rashid. Rania, infatti, arriverà in Italia per l’operazione di sua figlia e sarà affidata proprio a Rosso, che imparerà a conoscerla ed anche ad amarla.

Rania, infatti, è, come molte donne libanesi, soltanto un suppellettile di suo marito e confida a Rosso il suo malessere, così come la sua voglia di essere libera come le donne occidentali. In nome del sentimento che nasce tra i due, nonostante le messe in guardia della collega Stella, Rosso aiuterà Rania a scappare da Rashid, cercando rifugio in Svizzera. Ma le cose non andranno come sperato e la faccenda si complicherà, diventando piuttosto pericolosa soprattutto per il coraggioso Rosso. Insomma, una fiction dai molteplici lati: oltre a ciò che si cela dietro i Servizi segreti e la liberazione di ostaggi, altro tema presente, tanto attuale quanto delicato, è quello sull’omosessualità. Stella, infatti, la collega di Rosso, è omosessuale e l’attrice Anna Foglietta, che veste i suoi panni, afferma che in Ragion di Stato ” l’omosessualità sarà tratta come una condizione e non come un problema”.

Durante la rassegna stampa di Ragion di Stato i due sceneggiatori, Laura Ippoliti e Andrea Purgatori, hanno confessato che non è stato facile portare avanti un progetto così poco tradizionale come quello di una spy story mista a una storia d’amore. Lo stesso Andrea Purgatori, giornalista, ha affermato che l’intento è quello di mostrare “senza veli” il difficile quanto coraggioso impegno di tutti quei militari italiani dei Servizi segreti, che rischiano la vita per portare a casa gli ostaggi di guerra. Inoltre, in Ragion di Stato risulta chiara quella che è la posizione italiana al riguardo e che si discosta da molti Paesi alleati, che rifiutano qualsiasi trattativa con i Paesi “nemici”, a differenza dell’Italia, in cui assume una posizione prevalente il salvare la vita dell’ostaggio, anche in nome di spesso scomodi compromessi. Insomma, un esperimento senza dubbio ambizioso quello dei due sceneggiatori e che la Rai ha appoggiato sin da subito, con la speranza che anche il pubblico lo farà. La controprova sarà possibile solo il 12 gennaio, quando andrà in onda la prima parte di Ragion Stato, mentre per la seconda parte non ci sarà molto da attendere, dato che la miniserie si concluderà il 13 gennaio.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.