Dalla rassegna stampa

"The Imitation Game" dal 1 gennaio nelle sale

Raro esempio di film commerciale, acclamato dalla critica, ed assolutamente onesto con l’omosessualità del protagonista.

Avevamo alcuni timori su questo importante film, essendo un film mainstream, cioè rivolto ad un vasto pubblico, che all’uscita in Gran Bretagna ha realizzato al box office un ottimo secondo posto e un terzo posto assoluto come migliore uscita di tutto il 2014. Negli USA, alla prima uscita ha ottenuto la seconda migliore uscita (come media per sala) di tutto il 2014. Si tratta quindi di un film commerciale, ma accolto benissimo da tutta la critica, che racconta la storia di uno scienziato omosessuale, Alan Turing, colui che decifrò il codice Enigma, cosa che permise agli alleati di vincere la seconda guerra mondiale. Un personaggio che pagò con la vita il suo essere omosessuale, al tempo un reato nell’Inghilterra che aveva già sacrificato per lo stesso motivo Oscar Wilde. Turing morì avvelenato col cianuro, molti dicono si tratti di un suicidio conseguente all’insopportabilità della pena per castrazione chimica inflittagli dal tribunale che lo condannò per omosessualità, altri, come Andrew Hodges, l’autore del libro da cui è stato tratto il film, sospettano un ‘suicidio’ di stato, in quanto non ci sono riscontri di una sua reale depressione.

Dicevamo dei nostri timori perchè temevamo che la problematica omosessuale fosse lasciata in secondo piano (sono pochissimi i film gay commerciali onesti con l’omosessualità), visto anche il ruolo da protagonista assegnato a Keira Knightley, che diventa la sua fidanzata, e la tematica della guerra, assolutamente centrale.
Invece ci siamo trovati davanti ad un film assolutamente gay, dove la storia del codice Enigma è sicuramente centrale, così come la relazione tra Turing e Joan Clarke (una attonita Keira Knightley), ma entrambe finalizzate più a farci scoprire il mondo interiore di Turing che fini a se stesse. Lo stesso nome che Turing dà alla macchina che costruisce per decifrare Enigma, Christopher, è quello del suo primo (e forse unico) grande amore gay. Estremamente chiare e toccanti sono le scene che ci raccontano la storia di questo amore adolescenziale, all’interno di un istituto educativo, dove Turing riesce a fare amicizia solo con un ragazzo altrettanto sensibile, fino a volergli dichiarare il suo amore.

Il film ci fa quindi capire subito che Turing era gay e che proprio grazie a quell’incontro si era indirizzato verso studi matematici, concentrando probabilmente in essi tutte le sue tensioni. Il risultato, come spesso accade in questi casi, dove la genialità sembra nutrirsi di tutte le altre aspettative represse, è un carattere difficile, isolato, sospettoso, che risulta scorbutico a chiunque gli sia vicino, nonostante nasconda una grande sensibilità ed un grande bisogno di affetto. Non può quindi apparire strano che quando Turing incontra una donna intelligente, innamorata della matematica, bisognosa di aiuto per emanciparsi contro una famiglia conservatrice e una società maschilista, percepisca diverse affinità ed un’intima sintonia, oltre alla necessità della sua collaborazione nella ricerca.
Il film è però onestissimo e neppure per un attimo ci fa pensare che Turing possa essersi innamorato sessualmente di lei. Anche quando le chiederà di fidanzarsi sarà chiaro che si tratta di uno stratagemma utile ad entrambi. Quindi nessun bacio o sguardi lascivi. E nulla cambierà quando Turing le confesserà di essere omosessuale, cosa che lei aveva già capito ed accettato, grazie alla sua intelligenza. Quando anche un altro membro del gruppo scopre che Turing è gay, le cose si complicano…

Vi abbiamo raccontato qualche sorpresa solo per assicurarvi dell’onestà degli autori nel trattare il personaggio di Turing, seguito fino alle ultime vicende della sua vita. Una storia che esalta la figura di Turing, un eroe martire di una società omofobica che solo cento anni dopo riesce a comprenderlo e rivalutarlo. Un personaggio finora quasi sconosciuto che ci sorprende nella sua determinazione, nella sua capacità di andare oltre ad un destino avverso e repressivo, restando sempre innamorato della vita e del progresso. Un merito assoluto va all’attore che lo interpreta, un magnifico Benedict Cumberbatch (già visto in un ruolo gay nel film ‘La talpa’), sicuramente uno degli attori più validi dei nostri giorni, giustamente in corsa verso i premi più ambiti della stagione.

Il film viene distribuito da Videa nelle sale italiane dal 1 gennaio 2015, speriamo con un cospicuo numero di copie.

TUTTI I PREMI E LE CANDIDATURE (esclusi i tantissimi festival dove ha vinto)

Golden Globes, USA 2015

Candidature
Best Motion Picture, Drama
Best Actor in a Motion Picture, Drama (Benedict Cumberbatch)
Best Supporting Actress in a Motion Picture (Keira Knightley)
Best Screenplay, Motion Picture (Graham Moore)
Best Original Score, Motion Picture (Alexandre Desplat)

Screen Actors Guild Awards 2015

Candidature
Outstanding Performance by a Male Actor in a Leading Role (Benedict Cumberbatch)
Outstanding Performance by a Female Actor in a Supporting Role (Keira Knightley)
Outstanding Performance by a Cast in a Motion Picture

AFI Awards, USA 2015

VINCITORE Movie of the Year

African-American Film Critics Association (AAFCA) 2014

2 POSTO nella classifica Top 10 Films

Austin Film Critics Association 2014

Candidato Best Film

British Independent Film Awards 2014

Candidato:
Best Screenplay – Graham Moore
Best Actress – Keira Knightley
Best Actor – Benedict Cumberbatch

Broadcast Film Critics Association Awards 2015

Candidato:
Best Picture
Best Actor – Benedict Cumberbatch
Best Supporting Actress – Keira Knightley
Best Acting Ensemble
Best Adapted Screenplay – Graham Moore
Best Score – Alexandre Desplat

Chicago Film Critics Association Awards 2014

Candidato
Best Actor – Benedict Cumberbatch
Best Adapted Screenplay – Graham Moore
Best Original Score – Alexandre Desplat

Detroit Film Critic Society, US 2014

Candidato
Best Actor – Benedict Cumberbatch

Heartland Film 2014

VINCITORE Truly Moving Picture Award

Hollywood Film Awards 2014

VINCITORE:
Composer of the Year – Alexandre Desplat
Director of the Year – Morten Tyldum
Actor of the Year – Benedict Cumberbatch
Supporting Actress of the Year – Keira Knightley

Hollywood Music In Media Awards (HMMA) 2014

Candidato
Best Original Score – Feature Film – Alexandre Desplat

Houston Film Critics Society Awards 2014

Candidato
Best Picture
Best Actor – Benedict Cumberbatch
Best Supporting Actress – Keira Knightley
Best Original Score – Alexandre Desplat

Indiana Film Journalists Association, US 2014

Best Picture

Las Vegas Film Critics Society Awards 2014

Candidato
Best Picture

London Critics Circle Film Awards 2015

Candidato
British Film of the Year
Actor of the Year – Benedict Cumberbatch
British Actor of the Year – Benedict Cumberbatch
British Actress of the Year – Keira Knightley
Young British Performer of the Year – Alex Lawther

National Board of Review, USA 2014

VINCITORE NBR Award Top Ten Films

New York Film Critics, Online 2014

VINCITORE Top Films of the Year

Phoenix Film Critics Society Awards 2014

VINCITORE
Best Actress in a Supporting Role – Keira Knightley
Candidato
Best Picture
Best Actor in a Leading Role – Benedict Cumberbatch
Best Screenplay Adapted from Another Medium – Graham Moore
Best Original Score – Alexandre Desplat
Best Production Design

San Diego Film Critics Society Awards 2014

Candidato
Best Supporting Actress – Keira Knightley
Best Production Design – Maria Djurkovic
Best Score – Alexandre Desplat

San Francisco Film Critics Circle 2014

Candidato
Best Picture
Best Actor – Benedict Cumberbatch

Satellite Awards 2014

Candidato
Best Motion Picture
Best Actor in a Motion Picture – Benedict Cumberbatch
Best Actress in a Supporting Role – Keira Knightley
Best Director – Morten Tyldum
Best Screenplay, Adapted – Graham Moore
Best Art Direction & Production Design
Best Film Editing – William Goldenberg
Best Original Score – Alexandre Desplat

St. Louis Film Critics Association, US 2014

Candidato
Best Film
Best Director – Morten Tyldum
Best Actor – Benedict Cumberbatch
Best Supporting Actress – Keira Knightley
Best Adapted Screenplay – Graham Moore

Utah Film Critics Association Awards 2014

2do posto Best Picture
Best Actor – Benedict Cumberbatch

Washington DC Area Film Critics Association Awards 2014

Candidato
Best Actor – Benedict Cumberbatch
Best Adapted Screenplay – Graham Moore

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.