Dalla rassegna stampa Cinema

Nichols e quel mito de «Il laureato» con Mrs. Robinson

Morto a 83 anni, fu il regista dei sentimenti

Mike Nichols, il famoso regista de Il laureato , è morto ieri a Los Angeles a 83 anni: lascia tre figli e quattro mogli, l’ultima Diane Sawyer giornalista della ABC e una lunga scia di rimpianto trapuntato da sorrisi. È stato un pilastro del cinema e del teatro (anche della tv dove aveva girato la miniserie «Angels in America» con Pacino) e fu uno dei tanti europei obbligati per ragioni di razza a emigrare.
A 8 anni Michael Igor Peschkowky, nato il 6 novembre 1931, si trasferisce con famiglia da Berlino a Chicago, passa dal clan Nabokov e Pasternak a quello dei Kennedy, trovando un suo spazio nell’Actor’s Studio di Strasberg e Kazan. Del grande Paese sarà, da ospite molto integrato, un osservatore implacabile, denunciando i compromessi con la satira, osservandolo nella privacy sessuale e nelle stanze della Casa Bianca, nelle smorfie del piacere e del potere.
L’insaziabile Mrs. Robinson (la sexy Anne Bancroft) di Il laureato , seducendo e lanciando un arruffato Dustin Hoffmann al suono di Simon & Garfunkel, resterà personaggio di riferimento: la carriera inizia con la parodia dei Compass Players, gruppo fondato nel ‘56 con Elaine May e Arkin, trampolino per i cabaret satirici di Broadway, bisogno brechtiano portato in dote da Weimar.
Figlio orfano a 12 anni di un medico, Nichols, col suo buon sangue yiddish, aveva bisogno di ridere soprattutto sulle cose serie: «Non capisco la divisione tra drammi e commedie, ci sono più risate in Amleto che nelle commedie di Broadway». Ambiente che conosceva bene perché fu collaboratore di Neil Simon di cui mise in scena ogni successo, da A piedi nudi nel parco alla Strana coppia (e al cinema l’autobiografia Biloxi Blues ), poi allestendo Luv di Murray Schisgal, The real thing , il musical Annie e nel 2012 Morte di un commesso viaggiatore . Fu regista delle donne, cui non faceva sconti né trucchi, neppure alla Taylor che per le alcoliche zuffe col suo Burton in Chi ha paura di Virginia Woolf? Vinse un Oscar; così valorizzò Candice Bergen, la McLaine, il tremendo presepe di famiglia in Cartoline dall’inferno dal libro autobiografico di Carrie Fisher su mamma Debbie Reynolds, la Meryl Streep di Silkwood , denuncia del cancro per amianto e la rampante Sigourney Weaver Donna in carriera . Sull’evoluzione e infelicità dei rapporti si espresse, nella Hollywood post 68, con Conoscenza carnale scritto dall’umorista Feiffer, bollato dalla censura per il finale con Nicholson, audace ma virtuale.
Il match tra amore e sesso lo tiene occupato a tempo pieno (ultima tappa è Closer , scambio di coppie, lancio di Owen e Portman) ma se la prese spesso con le istituzioni: dall’ottusità militare di Comma 22 di Heller al cinismo con cui guarda il potere democratico in I colori della vittoria con un Travolta clintoniano e La guerra di Charlie Wilson con Tom Hanks. Gran professionista, non aveva preclusioni, si concedeva anche al melò classico dell’uomo senza memoria (l’avv. Harrison Ford di A proposito di Henry ), a Piume di struzzo , versione musical del Vizietto con Robin Williams, Nathan Lane e Gene Hackman.
Nichols ebbe gli scaffali di casa pieni di premi: oltre all’Oscar vinto per Il laureato (e 3 nomination) ci sono gli Emmy tv e almeno 9 Tony del teatro, di cui conosceva ogni segreto nella grande partita tra realtà e finzione che per l’elegante Nichols si risolveva spesso in un cocktail con oliva e risata senza speranza.


da La Repubblica

Addio Mike Nichols maestro del cinema con “Il laureato” diventò autore-cult

Il regista americano è morto a 83 anni Spielberg: mio mentore e uomo generoso

MARIA PIA FUSCO

ADDIO a Mike Nichols, regista di film indimenticabili, autore della grande stagione di Hollywood anni 60 e 70. È morto a Los Angeles, a 83 anni, per arresto cardiaco. La notizia è stata diffusa dalla Abc, la rete in cui era anchorwoman la moglie Diana Sawyer, sposata nel 1988, dopo tre divorzi. Nichols era nato a Berlino il 6 novembre 1931. Nel 1939 il padre, un medico ebreo di origine russa, era fuggito negli Usa con la famiglia dalla Germania di Hitler. Basterebbe un film epocale come Il laureato per ricordare la grandezza di Nichols, Oscar nel 1967, una storia di trasgressione, anticipazione del ’68. Chi non ricorda il “piccolo” Dustin Hoffman smarrito nella visione di una gamba femminile (di Ann Bancroft) o la colonna sonora di Simon & Garfunkel? «È il film che ha cambiato la mia vita», ha dichiarato Spielberg ricordando «l’amico, musa, mentore, una delle persone più generose che ho conosciuto». Il laureato è il suo film cult, ma i titoli memorabili sono tanti nella carriera di Mike Nichols, l’unico ad aver collezionato i premi più prestigiosi di cinema, teatro e tv. Curioso e instancabile – stava adattando per la Hbo Master Class di Terrence McNally su Maria Callas, in cui avrebbe ritrovato Meryl Streep, l’interprete dei suoi Heartburn e Silkwood, Oscar per l’attrice – era un maestro nel raccontare con ferocia ed ironia i conflitti della coppia, da Chi ha paura di Virginia Woolf? Con Elizabeth Taylor e Richard Burton, il suo esordio al cinema nel 1966, a Conoscenza carnale ( 1971) con Candice Bergen e Jack Nicholson, la sua cifra era la versatilità. «Non capisco la divisione tra dramma e commedia, in ogni giorno della nostra vita possiamo passare dal riso al pianto», diceva. Amava denunciare abusi e stupidità del potere: Comma 2-2, pungente satira sui regolamenti militari, Silkwood sul pericolo nucleare, I colori della vittoria del ’98, in cui raccontava un presidente Usa, John Travolta, coinvolto in uno scandalo sessuale con una stagista alla Clinton. Politico l’ultimo film, La guerra di Charlie Wilson ( 2007). Nel film c’erano Tom Hanks, Julia Roberts, Philip Seymour Hoffman, tre dei tanti grandi attori che hanno lavorato con Nichols e che lui ha reso più grandi. Un esempio è la bella occasione per Melanie Griffith in Una donna in carriera ( 1988). E in tanti ieri si sono espressi con parole commosse. Tra gli altri Tom Hanks («Conoscerlo ha cambiato la mia vita»), Streep («Non posso immaginare il mondo senza di lui»), Julianne Moore («Un magnifico essere umano»).

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.