Dalla rassegna stampa Cinema

Essere adolescente gay a Catania

A Cannes è la notte di Davide – In corsa al Festival la pellicola dura di Sebastiano Riso, con Micaela Ramazzotti

Ramazzotti : che talento Sebastiano Riso!

Lui, Davide (Davide Capone) tredici anni, ha una faccia da madonna rinascimentale, è dolce, parla poco e ha un problema da affrontare nella sua barocca e vulcanica Catania: è omosessuale.

Il padre Massimo (Vincenzo Amato) non se ne da pace, mentre la madre Rita (Micaela Ramazzotti) lo ama comunque. È il destino e la civiltà delle madri. Questo lo scenario di `Più buio di mezzanotte´ di Sebastiano Riso, film duro e forte in corsa oggi, a tutto diritto, al Festival di Cannes alla Semaine de la Critique e alla Camera d’or (è un’opera prima).

Tutto si svolge nella Catania degli anni Ottanta con i tempi lunghi di un ragazzino che si sente diverso e che cerca una famiglia diversa da quella in cui è nato. La troverà in quella corte dei miracoli che si riunisce ogni sera a Villa Bellini: omosessuali che si prostituiscono con diversi gradi di travestitismo, emarginati di ogni tipo, barboni. Gente che vive ai margini tra disperazione e orgoglio. C’è un gay chiamato La Rettore (Giovanni Galizia); c’è la Meriliv Morlov (Sebastian Gimelli Morosini) che ha sempre voglia di sesso; c’è la Wonder Woman (Gabriele Mannino) e c’è chi i ragazzini omosessuali li piazza e li usa come l«uomo in bianco’ (Pippo DelBono).

Davide comunque una strada alla fine la trova attraverso un suo piccolo inferno fatto di tante cose. Ed esattamente. La frequentazione del quartiere a luci rosse di San Berillo, una vera e propria scuola per chi vive ai margini e chi si prostituisce; i furti con destrezza nei supermercati; le fughe dal padre che fa di tutto per portare Davide sulla strada della mascolinita’ (anche con punture di ormoni); scene di sesso consumate in tutta fretta e anche, ovviamente, attraverso il sicuro approdo con l’affettuosa madre ipovedente (straordinaria una scena sull’autobus di una drammatica Ramazzotti).

Il film che sarà distribuito dall’istituto Luce è ispirato alla vita di Fuxia – alias Davide Cordova – drag queen nel celebre locale Mucca Assassina di Roma. Rinnegato dalla famiglia era passato al vaglio di psicologi e medici prima di essere cacciato di casa a 14 anni, con l’invito da parte del padre alle forze dell’ordine: «Se lo trovate non mi avvisate, per me è morto». Ora Davide, 46 anni, è tornato a vivere nella sua Sicilia.

Frase cult del film quella dai molteplici significati scritta su un un muro di San Berillo:«l’amore ti fotte».

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.