Dalla rassegna stampa

Niente baci gay sotto casa Giovanardi

TANTO rumore per nulla. La polemica sollevata nei giorni scorsi per una frase del senatore modenese del Pdl Carlo Giovanardi, riguardante i baci gay (avrebbe paragonato la vista di due donne che si baciano a qualcuno che fa pipì per strada) in realtà è nata da frasi estrapolate …

MODENA – TANTO rumore per nulla. La polemica sollevata nei giorni scorsi per una frase del senatore modenese del Pdl Carlo Giovanardi, riguardante i baci gay (avrebbe paragonato la vista di due donne che si baciano a qualcuno che fa pipì per strada) in realtà è nata da frasi estrapolate e ricucite, in modo tale da far sembrare omofoba e retrograda la sua posizione. Ma intanto c’è stata la reazione dei Giovani Democratici, che hanno organizzato un «bacio day», prima sotto casa dello stesso Giovanardi, poi in una piazza cittadina.
Intanto Giovanardi (foto Olycom) vuole chiarire l’accaduto: «Ci ho messo cinque giorni per avere la trascrizione dell’intervista rilasciata a Radio24. Vi accorgerete che è diversa nel contenuto rispetto al successivo lancio d’agenzia, che cuciva insieme due risposte diverse».

ECCO la parte centrale dell’intervista. La giornalista chiede quale sarebbe la reazione di Giovanardi alla vista di due donne che si baciano. «L’ho detto un milione di volte — ha risposto — che ci sono situazioni e situazioni, un nudista in una isola di nudisti non mi dà nessun fastidio, un nudista a Riccione sotto l’ombrellone dove ci sono i bambini e le mamme mi dà fastidio ed è fuori posto. Due uomini o due donne che si baciano ostentatamente in un supermercato non è il luogo adatto per farlo, come ai figli dà fastidio persino quando vedono i genitori che assumono atteggiamenti… I genitori davanti ai figli piccoli o grandi hanno delle effusioni fra loro, che sono giustissime, ci mancherebbe altro, possono creare disagio… Perchè c’è sempre una misura nelle cose. A lei dà fastidio uno che fa pipì? Dice no, perchè va in bagno e fa pipì». Insomma, per il senatore Giovanardi ora è tutto chiaro: «Le effusioni spinte in pubblico possono dare fastidio, poca importa se di tipo gay o etero. E ora vorrei le scuse da parte di chi mi ha intervistato».


Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.