Dalla rassegna stampa Libri

Quel bacio proibito di Lorenzo un ragazzo "diverso"

…Ivan Cotroneo racconta una storia di adolescenza, problematica, contemporanea e allo stesso momento senza tempo…

Per il suo quarto romanzo – dopo “La Kryptonite nella borsa” (che sarà tra qualche mese il suo debutto come regista con Valeria Golino protagonista), “Cronaca di un disamore”, Il re del mondo” – Ivan Cotroneo racconta una storia di adolescenza, problematica, contemporanea e allo stesso momento senza tempo.
Lo fa con il suo stile inconfondibile, delicato e diretto, con una prosa che è inevitabilmente cinematografica perché a Cotroneo piace più di tutto la scrittura, che sia una sceneggiatura televisiva come “Tutti pazzi per amore” o cinematografica come “Mine vaganti” di Ferzan Ozpetek.
Racconta di Lorenzo, che Michele e Maria tirano fuori dall’istituto e trattano come un figlio, comprendendo la natura “diversa” di quel ragazzo che mette magliette troppo corte, lo smalto alle unghie e una sera persino il rossetto a tavola per provocarli.
Racconta di Antonio, che alle avances di Lorenzo, non ci vuole stare, lo vuole picchiare e gli sembra di essere grande e per una volta non a rimorchio degli altri, del padre che lo porta per forza a caccia, degli amici che parlano delle ragazze e a lui non interessa poi molto perché ne ha paura.
E racconta di un’insegnante Elena Valente, a dire la verità un po’ speciale: accetta Lorenzo quando tutti lo prendono in giro, lo incoraggia a essere se stesso, a non avere paura. Pensa ai suoi ragazzi infelici che portano a scuola tutto il peso delle loro vite, la famiglia che non li capisce. Essi portano già nei loro zaini il lavoro che non troveranno, assieme alle ragazze che già non gli sorridono, si tengono addosso la disperazione, la voglia di fuggire da questo posto e la consapevolezza invece che non ce la faranno mai, che se va bene verranno presi alla fabbrica come i loro padri e i fratelli maggiori oppure finiranno d’estate a fare la stagione negli alberghi sul mare.
E poi racconta di un bacio, proibito, quello che Lorenzo dà ad Antonio che lo voleva picchiare e che invece di ritirare subito le labbra ci ha messo un po’. E pensare che quello era il primo bacio che stava dando, e lo stava dando a un ragazzo.
Antonio sente che tutti sanno, i compagni di classe, i genitori, la professoressa Valente che è l’unica a sorridergli lo stesso. Nelle note finali, Ivan Cotroneo spiega di essersi ispirato a un fatto di cronaca: l’omicidio di Larry King, un liceale americano di 15 anni ucciso dal compagno di liceo che aveva corteggiato. Lo scrittore, omosessuale, ricorda che negli ultimi anni gli episodi di omofobia in Italia sono aumentati, e che 37 sono stati gli omicidi. E soprattutto che una proposta di legge dell’on. Paola Concia, che proponeva di considerare come aggravante in caso di aggressione l’omofobia, è stata bocciata dalla Camera.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.