Dalla rassegna stampa Personaggi

Esordio di Ozpetek nell'opera: sarà il regista di «Aida»

L’esordio nella regia operistica di Ferzan Ozpetek con Aida, …Il regista turco ne ha parlato con il direttore Zubin Mehta e insieme avrebbero pensato di costruire un’Aida molto più intimista…

La stagione durerà dodici mesi per i 150 anni dell’Unità d’Italia

L’esordio nella regia operistica di Ferzan Ozpetek con Aida, in una stagione che, per la prima volta e nonostante il taglio dei fondi, durerà più a lungo, dodici mesi, con dodici titoli d’opera e altrettanti di balletto e 50 concerti in Italia e all’estero. Il Maggio Musicale Fiorentino celebra così, nel 2011, l’anniversario dell’Unità d’Italia con uno sforzo eccezionale per aumentare l’offerta al pubblico e rafforzare il rapporto con la città e con i giovani.
La preoccupazione per l’esiguità delle risorse disponibili è forte, tanto che il direttore Zubin Mehta, durante la conferenza stampa di presentazione del programma, ha invitato il Governo ad adottare misure fiscali che incentivino gli investimenti dei privati. Ma il Maggio, come hanno sottolineato la sovrintendente Francesca Colombo e il sindaco Matteo Renzi, ha già messo mano alla riorganizzazione per aumentare l’efficienza della struttura. I primi risultati si sono visti.
Il programma metterà in scena un ampio repertorio italiano del teatro d’opera, è ricco di contenuti e anche di novità. Tra queste, il nuovo «Maggio Bimbi», in cui il sindaco Renzi esordirà come voce narrante in Pierino e il lupo. Apertura della stagione il 12 gennaio con Don Pasquale.
L’Aida aprirà invece il Festival il 28 aprile: è un progetto pensato a lungo, almeno da tre anni, quello che segnerà l’esordio di Ferzan Ozpetek nella direzione di un’opera lirica (e le scene saranno curate dal Premio Oscar Dante Ferretti).
Il regista turco ne ha parlato con il direttore Zubin Mehta e insieme avrebbero pensato di costruire un’Aida molto più intimista, certamente non il colossal che normalmente viene rappresentato. Uno dei punti di forza scenici pare sia il progetto di un deserto che cresce lentamente fino a invadere tutto il palcoscenico.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.