Dalla rassegna stampa Cinema

"Sono gay, ma solo sul set"

Varrese presenta il nuovo film “Alice” – Nel nuovo film “Alice” (opera prima di Oreste Crisostomi, nelle sale dal 25 giugno) veste i panni del migliore amico (gay) della protagonista, nella vita di tutti i giorni è single (convinto) dopo aver fatto strage di cuori tra colleghe e non

Nel nuovo film “Alice” (opera prima di Oreste Crisostomi, nelle sale dal 25 giugno) veste i panni del migliore amico (gay) della protagonista, nella vita di tutti i giorni è single (convinto) dopo aver fatto strage di cuori tra colleghe e non. Canta, balla e recita, Massimiliano Varrese è un artista all’americana. Il suo grande sogno, in effetti, è quello di sfondare a Hollywood. Come racconta a Tgcom.

Massimiliano, parliamo del ruolo nel film “Alice”…
Interpreto Sandro, l’amico gay della protagonista, che la sprona ad uscire fuori da se stessa. E cerca in tutti i modi di farle vivere la sua vita. Sandro, invece, vive il dramma di essersi innamorato di un uomo sposato. Ha una vita sospesa.

Ti sei mai ritrovato in questa situazione?
Non mi sono mai innamorato di una donna già impegnata, ma ci sono degli elementi che mi accomunano al mio personaggio. Ad esempio il sentimento dell’amicizia, che per me è fondamentale.

Nel cast ci sono attori importanti come Catherine Spaak, com’è stato lavorare con loro?
Fortunatamente mi capita spesso di lavorare con grandi artisti. Cerco di assimilare tutto quello che posso e rubo con gli occhi, perché ho solo da imparare.

Hai cominciato la tua carriera ballando, poi sei passato al canto e adesso reciti. Ci racconti questa trasformazione?
Sono stato un bambino molto curioso. Ho iniziato facendo tanto sport, con le arti marziali. Ma quando da piccolo a casa della nonna vedevo quei film americani dove i protagonisti cantavano, ballavano e recitavano sono stato subito rapito da loro.

C’è un ruolo che preferisci di più?
Semplicemente mi piace stare sul palco, sentire il calore del pubblico.

Hai prestato il tuo volto a molti spot pubblicitari con personaggi internazionali come Catherine Zeta Jones. A Hollywood ci pensi mai?
Eccome! Ho un bravissimo agente. E prossimamente mi aspettano molti provini. Speriamo bene. L’unico problema è che lì pretendono di farti trasferire per molti mesi, e questo non mi piace.

E In Italia con chi ti piacerebbe lavorare?
Due registi su tutti: Salvatores e Ozpetek. Per me sarebbe un onore, un sogno. Chissà che non si realizzi.

Passiamo alla vita privata, com’è la tua situazione?
Single, dopo tanti anni. Mi godo questo momento di grazia in compagnia del mio piccolo cucciolo Brando…

E’ tempo di vacanze, dove passerai l’estate?
Non so ancora. Scelgo sempre all’ultimo momento. A gennaio ho fatto una settimana di relax, da solo, in un’isola sperduta. E’ stato meraviglioso. Di sicuro passerò un po’ di tempo al mare. Magari domani faccio le valigie e parto.

Visualizza contenuti correlati


Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.