Dalla rassegna stampa Tempo libero

Prima donna-prete d'Italia, all'organo suonava Luana, la trans salentina

…Il rito di ordinazione di Longhitano è stato accompagnato da un coro di cui facevano parte anche gay e lesbiche, diretto da Giuseppe Peccia…

ROMA – È stata ordinata nella chiesa Anglicana All Saints di via del Babuino a Roma la prima donna sacerdote in Italia: Maria Vittoria Longhitano, 35enne siciliana. Ha officiato la cerimonia della confessione Vetero-Cattolica il vescovo Fritz-Renè Müller, delegato della Conferenza espiscopale internazionale dell’Unione di Utrecht per l’Italia.

Maria Vittoria Longhitano potrà confessare, dire messa, dare l’eucarestia e celebrare tutti i sacramenti. Alla cerimonia dell’ordinazione hanno assistito i suoi familiari: in prima fila il marito, la madre e la sorella. «La Chiesa cattolica romana ha una base popolare pronta ad accogliere un ministero femminile perché senza donne la cattolicità, che vuol dire universalità, viene mutilata. Mi sento una persona che ha aperto una strada» ha detto Maria Vittoria Longhitano.

«Questo giorno – ha aggiunto Longhitano – l’ho atteso da quando sono nata. Oggi provo emozione, paura e un forte senso di responsabilità per la testimonianza che sono chiamata a dare come donna sacerdote. Mio marito è un uomo straordinario, una persona che mi comprende e mi sostiene. La nostra da oggi è una famiglia allargata».

A chi le chiedeva come la sua terra d’origine, la Sicilia, avesse accolto questa notizia, Longhitano ha spiegato: «Sono rimasta stupita dal sostegno, dalla solidarietà che non solo la mia famiglia anche tutta la Sicilia mi ha dimostrato. Mi aspettavo una regione maschilista e invece ho constatato che le cose sono cambiate. La domanda che la gente ci pone non è più come mai noi abbiamo una donna sacerdote ma perché i cattolici romani non possono averle». Presenti in 16 comunità, i Vetero- Cattolici non hanno accettato i dogmi del Concilio Vaticano I. La loro confessione religiosa è stata fondata negli anni 1873-1888.

L’ORGANISTA SALENTINA – Il rito di ordinazione di Longhitano è stato accompagnato da un coro di cui facevano parte anche gay e lesbiche, diretto da Giuseppe Peccia. A suonare l’organo Luana Ricci, che dopo lunghi anni passati a dirigere il coro del Duomo di Lecce, fu cacciata quando decise di cambiare sesso. Negli anni in cui ha diretto il coro della cattedrale del capoluogo salentino Luana era Marco Della Gatta. Ieri non ha nascosto l’emozione nel vedere una donna diventare sacerdote. «È stata un’esperienza significativa – ha sottolineato Luana – un segno dei tempi che cambiano. Un’apertura verso tutti, un segnale contro le discriminazioni. Una giornata che deve far riflettere tutti»

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.