Dalla rassegna stampa Libri

La famiglia de-genere

un libro di Matteo Bonini Baraldi su matrimonio, omosessualità e Costituzione

Mimesis Edizioni, 2010
Collana LGBT, a cura di Francesco Bilotta
172 pagine, € 15,00
ISBN 978-88-5750-072-0

Dalla quarta di copertina. Nel corso del 2009 varie coppie di persone dello stesso sesso hanno deciso di richiedere al proprio Comune di residenza le pubblicazioni matrimoniali. In seguito al rigetto della richiesta, i protagonisti di questa vicenda hanno perseguito le vie legali per affermare il loro diritto a contrarre matrimonio civile. Piuttosto che avallare definizioni essenzialiste del concetto di famiglia, il volume analizza il quadro giuridico italiano e straniero in un’ottica innovativa, chiedendosi se l’esclusione dal matrimonio possa essere giustificata da un interesse pubblico preminente. Ne emerge come, lungi dal costituire una questione rilevante solo per una scomoda minoranza, in termini di rispetto delle identità, la questione del matrimonio tra persone dello stesso sesso è problema che riguarda tutti, cittadini e non cittadini, uomini e donne, eterosessuali e omosessuali, perché interroga il concetto di persona e di libertà, la definizione dei ruoli di genere in una famiglia che cambia, il rapporto fra norma e corpo, il significato del principio di eguaglianza in una moderna democrazia.

Pubblicate i vostri commenti sul blog: http://lafamigliadegenere.wordpress.com/
Per i vostri ordini: http://www.mimesisedizioni.it/archives/001313.html#001313
Per contatti: [email protected]

Dalla premessa:
“Il 3 aprile 2009 il Tribunale di Venezia – seguito in agosto dalla Corte d’Appello di Trento e in dicembre da quella di Firenze e dal Tribunale di Ferrara – ha sollevato il dubbio di incostituzionalità davanti alla Corte costituzionale, la quale dovrà chiarire se l’attuale divieto del matrimonio fra persone dello stesso sesso vigente in Italia secondo le leggi civili sia compatibile o meno con la nostra legge fondamentale. Per quanto si tratti di sviluppi di stretta attualità, il dibattito sulla famiglia e sul matrimonio fra persone dello stesso sesso ha radici lontane. L’auspicio è che questo volume sappia contribuire a un dibattito più informato e più consapevole, apportando un contributo capace di valorizzare le potenzialità del diritto come esperienza e pratica laica di civiltà e democrazia.”

“De-genere come superamento della binarietà del maschile e del femminile, della fissità delle categorie, della gerarchia delle sessualità. Ma anche ‘degenere’ come snaturamento, traviamento, rottura con la famiglia della tradizione. Due modi di intendere una grande sfida della contemporaneita’, rispetto alla quale si impone un ragionamento in termini di diritti e cittadinanza delle persone LGBT”

Il target
Giuristi, giudici, studiosi di politiche della differenza o, più in generale, sociologi, politici, attivisti. Chi sia interessato ai mutamenti degli stili di comportamento e delle relazioni familiari che avvengono nella società e nel diritto europei e a quelli che si affacciano in ambito nazionale.

L’autore
Matteo Bonini Baraldi, giurista, Master of Laws presso la University of British Columbia di Vancouver e dottore di ricerca in diritto civile presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, è autore di numerosi scritti sul tema delle famiglie omosessuali. Nel 2005 ha pubblicato per IPSOA Le nuove convivenze tra discipline straniere e diritto interno e nel 2006, insieme a Kees Waaldijk, Sexual Orientation Discrimination in the EU: National Laws and the Employment Equality Directive (T.M.C. Asser Press). E’ membro fondatore della European Commission on Sexual Orientation Law e del Centro Europeo Studi sulla Discriminazione.

L’indice

INTRODUZIONE p. 7
I. PERCHÉ IL MATRIMONIO TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO? p. 15
1. L’orientamento sessuale: una categoria fra stigma e (auto)affermazione p. 15
2. La famiglia nella società e nel diritto p. 19
3. Costruzione sociale e gerarchia delle sessualità p. 23
4. I guardiani del differenzialismo sessuale p. 26
5. Corpo e diritti p. 30
6. Discriminazioni nel diritto di famiglia e ruolo dei diritti fondamentali p. 31

II. IL LABORATORIO SUI DIRITTI: CONCETTI E PROBLEMI p. 35
1. Gli argomenti contrari al matrimonio fra persone dello stesso sesso p. 35
2. Al crocevia tra libertà ed eguaglianza p. 37
3. Persona e dignità umana: alle origini di un dibattito p. 41
4. Universalità della norma e diritto alla differenza p. 45
5. Unione europea e Stati Membri p. 48
6. Il problema di fondo: elementi per una riformulazione p. 51

III. PER ASPERA AD ASTRA: QUESTIONI DI METODO ED ESPERIMENTI APPLICATIVI p. 55
1. Dai concetti al diritto vivente p. 55
2. Metodo e merito: separazione dei poteri e compiti del giudice p. 56
3. La social location dell’interprete nella tutela della dignità umana p. 59
4. Disegnare il campo da gioco: l’eguaglianza p. 62
5. La partita tra disparità di trattamento e giustificazioni sociali p. 64
6. Non solo parità: il matrimonio come diritto fondamentale tra privacy e due process p. 68
6.1 La sentenza del Massachusetts p. 69
6.2 Il caso californiano p. 72
6.2.1 Sostanza del diritto a contrarre matrimonio nel contesto delle libertà individuali p. 72
6.2.2 L’argomento della procreazione p. 75

IV. DIRITTI UMANI E COSTITUZIONE: IL MATRIMONIO COME LIBERTÀ FONDAMENTALE p. 77
1. Persona e famiglia nell’art. 2 della Costituzione p. 77
2. I diritti all’identità personale e alla libertà sessuale p. 81
3. Libertà individuale, spazio privato e rilevanza giuridica del fenomeno p. 84
4. La protezione costituzionale dei legami sociali p. 88
5. Libertà istituzionale, capacità di agire e ruolo del diritto p. 90
6. Diritto al matrimonio e realizzazione della persona p. 94

V. IL MATRIMONIO ALLA PROVA DELL’EGUAGLIANZA p. 97
1. Premessa p. 97
2. Posizione del problema p. 99
3. Oltre l’eguaglianza-ragionevolezza p. 100
4. Il giudizio di comparazione: omogeneità o svantaggio? p. 104
5. Giustificare la disparità p. 108
5.1 Società naturale e tutela negativa secondo l’art. 29 Cost. p. 108
5.2 Disparità di trattamento e utilità sociale p. 113
5.3 Privato e pubblico nel diritto di famiglia vigente p. 117
5.4 La tutela della procreazione come giustificazione dello status quo p. 121

VI. “ENTRAMBE LE SEDIE SONO COMODE”?: IL PROBLEMA DELLE UNIONI CIVILI p. 125
1. L’anomalia dell’argomento riduzionista p. 125
2. Il regime segregazionista al vaglio dei giudici americani p. 132
2.1 Il regime ‘separato ma uguale’ alla prova dello strict scrutiny p. 134
2.2 La débacle del referendum in California p. 138
3. Una questione di lessico? Matrimonio e unione civile a confronto in Sudafrica p. 139
4. Qualche cenno sul dibattito italiano p. 146

CONCLUSIONI p. 149

RINGRAZIAMENTI p. 153

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI p. 155

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.