Dalla rassegna stampa Teatro

"12 BACI SULLA BOCCA" di Mario Gelardi

A NAPOLI | TEATRO GALLERIA TOLEDO | dal 23 al 28 febbraio… Emilio è giovane, diretto, ed è “ricchione”, perché era l’unico termine usato a Napoli per identificare un omosessuale, Emilio è solo. L’omosessualità in Emilio si veste di forte e aggressiva mascolinità che riesce a …

NAPOLI | TEATRO GALLERIA TOLEDO | dal 23 al 28 febbraio
Via Concezione a Montecalvario 34 – 80134 | tel. 081 42 50 37 / 081 42 58 24

Decimopianeta presenta
12 BACI SULLA BOCCA
di Mario Gelardi

con Francesco Di Leva, Stefano Meglio, Andrea Vellotti
Luci Ettore Nigro, scene Roberta Mattera, costumi Giovanna Napolitano
Aiuto regia Giuseppe Gaudino
regia di Giuseppe Miale di Mauro

Napoli, anni 70. La provincia soffocante e a volte disorientante napoletana. Stradone di paese isolate che a volte portano solo ad uno di quei ristoranti per cerimonie. Strutture barocche decorate con finto stucco veneziano, con statue e laghetti con i cigni.
Per qualcuno sposarsi in questi luoghi è una grande aspirazione. Il conflitto politico e sociale che divide il paese sembra lontano da queste terre. In questo ambito nasce “12 baci sulla bocca” che racconta l’incontro-scontro tra Emilio, lavapiatti dai modi e dal linguaggio diretto e Massimo, fratello “ripulito” del proprietario di un ristorante.

Massimo si sta per sposare con l’unica donna che ha avuto nella sua vita, è a quel punto della vita in cui o ti lasci o ti sposi, Massimo si sposa. Emilio è giovane, diretto, ed è “ricchione”, perché era l’unico termine usato a Napoli per identificare un omosessuale, Emilio è solo. L’omosessualità in Emilio si veste di forte e aggressiva mascolinità che riesce a scardinare l’omosessualità assopita malamente da Massimo. I loro incontri sono violenti al limite dello scontro fisico. I due ragazzi si nascondono, ma quel rapporto così controverso, rappresenta forse, l’unico momento di vero sentimento nella loro vita.

Il loro è un ambiente in cui non è permessa alcuna diversità, vigono leggi sociali e di branco che non permettono nulla al di fuori di una prassi consolidata. Ma gli occhi di Antonio, fratello di Massimo, lo guardano dentro, sanno molto di più di quel fratello di quanto lui pensi. In quell’ambiente i problemi si risolvono in maniera spicciola ed uno come Massimo, non può certamente essere un “ricchione” di paese.

Abbiamo pensato di ambientare questa storia negli anni settanta, per costruire un tessuto emotivo ancora più claustrofobico. E’ la fine del 1975 e la storia del paese è caratterizzata dalla morte di Pier Paolo Pasolini.

Dopo il lavoro fatto con Gomorra, abbiamo voluto mettere a frutto la nostra esperienza in una storia di pura finzione. Una vicenda che parte dalla periferia della nostra terra, dove il tempo sembra essersi fermato, dove, al di la di una finto progressismo, ci sono ancora leggi sociali antiche. Un’atmosfera sudata, che ha l’eco della musica popolare degli anni settanta, che vive di squarci di luce, sul nero dei giorni e di quelle vite.

Mario Gelardi e Giuseppe Miale Di Mauro

Il 24 febbraio alle 23.00 gli autori ed il cast dello spettacolo incontreranno il pubblico al Penguin café (Napoli, via Santa Lucia 88) nell’ambito della rassegna “In Ogni Senso – Un mese di cultura queer a Napoli”

Vedi tutte le info sullo spettacolo all’indirizzo: http://www.napoligaypress.it/12baci

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.