Dalla rassegna stampa Cinema

Non è un cinepanettone, ma solo un film di Natale che omaggia Marilyn Monroe e Woody Allen.

…Woody Allen è un classico del divertimento, nel mio film c’è un omaggio a lui e a Marilyn che, come Borgart in Provaci ancora Sam, dà consigli d’amore al protagonista…

Leonardo Pieraccioni presenta il suo ultimo film, Io & Marilyn, prodotto dalla Medusa, distribuito in 650 cinema da venerdì 18 dicembre, lo stesso giorno di Natale a Beverly Hills. Ma l’attore e regista toscano che ha diretto, interpretato e scritto a quattro mani il film con Giovanni Veronesi, precisa subito: «Il mio non è un cinepanettone, io faccio i film che so fare, per far divertire. Il fatto che esca a Natale è un’abitudine, tutti i miei film escono in questo periodo dell’anno».
La storia è quella di Gualtiero Marchesi (Pieraccioni), 40 anni, un lavoro da “raccomoda” piscine, una figlia (Marta Gastini) e un’ex moglie (Barbara Tabita) scappata con un domatore di tigri napoletano (Biagio Izzo) che ama ancora. «Racconto la storia che volevo – spiega Pieraccioni – parlo del mondo di oggi, della famiglia allargata, dell’amicizia, delle coppie di fatto, anche omosessuali. E poi faccio un’affermazione importantissima: la donna più importante della mia vita non è la mia ex moglie né Marilyn, ma mia figlia».
Intorno al “normotipo” Gualtiero, una galleria di personaggi bizzarri, a partire dal suo analista (Francesco Guccini) continuando con il cugino (Massimo Ceccherini) con tanto di fidanzato (Luca Laurenti), uno scontroso maresciallo dei carabinieri (Francesco Pannofino), uno stravagante pugliese (Rocco Papaleo) convinto di aver invocato il fantasma di Hitler e il fantasma della Monroe (Suzie Kennedy), invocata da Gualtiero in una seduta spiritica. «Questa volta – spiega Leonardo – non volevo fare un film toscano per i soli toscani. Era tempo per me di misurarmi con altri dialetti altrettanto comici come il napoletano». Finale doc: «Woody Allen è un classico del divertimento, nel mio film c’è un omaggio a lui e a Marilyn che, come Borgart in Provaci ancora Sam, dà consigli d’amore al protagonista».

Leggo

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.