Dalla rassegna stampa Cinema

I Cohen illuminano il «Festival di Roma»

ALLA QUARTA EDIZIONE, CHE PARTIRÀ IL 15 OTTOBRE, NON PARTECIPERÀ «NINE» CHE DOVEVA ESSERE IL FILM D’APERTURA. TANTI ITALIANI IN CONCORSO …sarà in concorso «Viola di mare» di Donatella Majorca con Valeria Solarino, Isabella Ragonese, Ennio Fantastichini, Maria Grazia Cucinotta e Marco …

I fratelli americani presentano l’ultimo lavoro Tra gli ospiti Richard Gere Colin Farrell e la Streep

La quarta edizione del Festival di Roma (15-23 ottobre) parte male. Niente «Nine» che a maggio molti davano per certo come film d’apertura essendo, tra l’altro perfetto per location e «italianità» (vera mission del direttore artistico Gian Luigi Rondi). Ci sarà invece l’ultimo film dei fratelli Cohen, «A serious man»; «Julie & Julia» di Nora Ephron con Meryl Streep e venti minuti di anteprima di «New moon», secondo episodio di «Twilight».
Ma tra le voci della vigilia anche la presenza di due divi, come Colin Farrell e Richard Gere che accompagnano rispettivamente nella vetrina romana due film. Ed esattamente, il mistery-thriller di Danis Tanovic e «Amelia» di Mira Nair.
Infine, tra i rumours dell’ultima ora a Roma approderebbe anche un doppio Martin Scorsese. Ovvero un documentario, «American boy: a profile of Steven Prince» (1978), a firma dello stesso regista che intervista Steven Prince, attore scrittore e affabulatore americano dalla vita strampalata. E poi la recentissima rivisitazione dello stesso docu venti anni dopo fatta dal produttore Tommy Pallotta in «American Prince».
Per quanto riguarda gli italiani, molte certezze. Intanto ci sarà in concorso «Viola di mare» di Donatella Majorca con Valeria Solarino, Isabella Ragonese, Ennio Fantastichini, Maria Grazia Cucinotta e Marco Foschi. Un film Medusa che affronta il tema dell’omosessualità con la Solarino nei panni di una ragazza innamorata di un’altra donna, interpretata dalla Aragonese, e che per amore si trasforma in uomo fasciandosi il seno e tagliandosi i capelli. Siamo nella Sicilia di fine ’800.
Sempre in concorso ci sarà poi «Alza la testa» di Alessandro Angelini con Sergio Castellitto, la storia di un padre che alleva il figlio adolescente nel culto della boxe. E ancora per l’Italia in corsa per il Marc’Aurelio d’oro «L’uomo che verrà» di Giorgio Diritti con Alba Rohrwacher e Maya Sansa. Il film racconta, attraverso il punto di vista della piccola Martina, la strage del 29 Settembre 1944 a Marzabotto in cui persero la vita 780 civili, soprattutto donne e bambini fucilati dalle SS.
Probabilmente fuori concorso ci sarà invece «Oggi sposi» nuova commedia di Luca Lucini prodotta da Cattleya e Universal e scritta da Fabio Bonifacci, da un soggetto di Fausto Brizzi e Marco Martani. Il film racconta la sincopata e rocambolesca preparazione al matrimonio di quattro giovani coppie. Cast pieno di attori italiani. Si va da Placido a Pozzetto, da Argentero a Carolina Crescentini, da Lunetta Savino a Isabella Ragonese.
Infine, probabilmente nella sezione «Alice» potrebbero approdare «Mar piccolo» di Alessandro di Robilant e un docu di Edoardo Winspeare.
Tornando ai fratelli Cohen, «A serious man» è ambientato nel 1967. Larry Gopnik (Michael Stuhlbarg) è un professore di fisica che è stato appena lasciato dalla moglie Judith (Sari Lennick) perché si è innamorata di uno dei suoi colleghi (Fred Melamed). Per il resto della famiglia non va meglio: il fratello Arthur dorme sul divano, in casa di Larry, il figlio Danny è indisciplinato, mentre la figlia, Sarah, ruba i soldi al padre e li mette da parte per rifarsi il naso.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.