Dalla rassegna stampa Teatro

ricci/forte: MACADAMIA NUT BRITTLE

31 AGOSTO Festival Internazionale Castel dei Mondi – 11 SETTEMBRE Omissis 9 Contemporary performing arts Festival

31 AGOSTO Festival Internazionale Castel dei Mondi
11 SETTEMBRE Omissis 9 Contemporary performing arts Festival

garofano verde
festival internazionale castel dei mondi
presentano

ricci/forte
MACADAMIA NUT BRITTLE

anna gualdo
andrea pizzalis
giuseppe sartori
mario toccafondi

movimenti scenici
marco angelilli

regia
stefano ricci

31 AGOSTO 2009, ORE 22.30/
FESTIVAL INTERNAZIONALE CASTEL DEI MONDI
PALAZZO DUCALE ANDRIA (BA)

11 SETTEMBRE 2009, ORE 22.00/
OMISSIS 9 CONTEMPORARY PERFORMING ARTS FESTIVAL
SALA BERGAMAS, GRADISCA D’ISONZO (GO)

MACADAMIA NUT BRITTLE

Non sappiamo quale sia la verità… l’importante è che l’ambiguità sia chiara. Vittime, carnefici, protagonisti di questo snuff movie che la vita offre siamo noi, alla disperata ricerca di amore in un mondo impossibile: perché alla fine anche la Natura, come gli uomini, è troia e infedele. Sempre.
ricci/forte

“…nel bellissimo lavoro dal titolo accattivante Macadamia Nut Brittle, Ricci/Forte toccano un apice della loro scrittura e del loro teatro. Calibrano perfettamente derive psicoanalitiche e critica sociale, lirismo e comicità: hanno la grande dote di reinventare continuamente il linguaggio, assorbono gli stilemi, le immagini, gli oggetti del contemporaneo omologato e postmoderno, frullandoli in una centrifuga dove scorrono le tensioni del mito e del repertorio classico. Il lavoro è possente e straziante, divertente e disperante: bravissimi Andrea Pizzalis, Giuseppe Sartori, Mario Toccafondi, sempre ottima Anna Gualdo. ”
Andrea Porcheddu, DELTEATRO.IT

“…dopo il gelato si scatenano gli adolescenti. Storie alla Dennis Cooper, tremende e tutte da ridere, si alternano a momenti più intensi, di allucinazione, come se si fosse tradito qualcosa: l’estrema serietà del gioco. Il pubblico partecipa in modo quasi catartico a questo snuff movie che è la Vita.”
Franco Cordelli, CORRIERE DELLA SERA

“…ad un mondo nel quale le carezze non sono ammesse, si ispira Macadamia Nut Brittle, della coppia dei terribili Ricci/Forte. Lo spettacolo, vietato ai minori, non ammette sconti. Il linguaggio è duro, provocatorio, come i gesti, la fisicità di corpi che viene violentata e stravolta.”
Sandra Cesarale, CORRIERE DELLA SERA

“…la rassegna Garofano Verde, curata da Rodolfo di Giammarco, lancia in alto ed esplode con foga i suoi fuochi d’artificio con l’atteso Macadamia Nut Brittle, del pirotecnico duo Ricci/Forte. Scandalizza? Innamora? Sicuramente non lascia indifferenti per quel caleidoscopio linguistico che costituisce la cifra più originale della ricerca del duo, che lascia sfrigolare i sensi dilatati di parole, metafore e citazioni, proiettili di senso mitragliati alla velocità della luce da una drammaturgia senza personaggi e plot, costruita sul disvelarsi permanente dell’artificio scenico che riverbera, con bagliori grotteschi e sublimi, sul suo contrario.”
Rosa Vitale, LIBERAZIONE

“…è uno spettacolo ricco e coinvolgente, che colpisce allo stomaco con la durezza di un linguaggio visivo. L’infantilismo dei suoi animali umanizzati, il cinismo volgare dei suoi reality show, il perseguimento di un’eterna giovinezza vengono stigmatizzati dalla compatta e lucida regia di Stefano Ricci con ineludibile ferocia. I quattro bravissimi interpreti imprimono all’azione, con la loro generosa partecipazione e duttile capacità espressiva, una continuità di tensione vigorosa e sanguinante.”
Antonella Melilli, HYSTRIO

“…assolutamente da non perdere. Un percorso denso di emozioni. Addirittura troppe per certo pubblico che finisce in lacrime dopo aver dato libero sfogo alle proprie emozioni attraverso la personale ovazione. Applausi che finiscono per supportare una storia-non-storia frammentata, eppure così chiara per tutti. Perché Ricci/Forte anche questa volta vanno dritti, senza timore, senza ombra di dubbio, senza incertezza alcuna, vanno dritti al centro dell’anima dello spettatore sconvolgendolo impigliandolo nella fitte rete delle emozioni più profonde.”
Marcello Albanesi, PODOFF

“…sesso e autolesionismo. Sesso e quotidiana insoddisfazione, Sesso e crudeltà. Fino a non riconoscersi. Perché questo forse è il senso: non voler dire chi sono e come amo, cosa sento e perché sono diverso. Diverso come tutti siamo diversi, nell’omologazione del corpo che ci sottrae all’altro, e all’amore. Bravissimi i quattro interpret: sopportano con impegno mutilazioni, scarnificazioni, colpi a terra e torture indicibili, nudi e soli. Feroce la regia.”
Chiara Merlo, ITALIASERA

“…nella discesa agli inferi preparata da Ricci/Forte si attraversano gli angoli bui dell’identificazione, dell’autodefinizione, ci si mette in fila in una corsa forsennata alla confessione, un’urgenza di denudarsi, di strapparsi via la pelle, fosse anche solo perché provando dolore ci si accorge di essere vivi. C’è, senza dubbio, la tematica della sessualità, della devianza carnale, del feticismo, dell’affermazione di un disagio che desidera uscire dalle costole, che chiede d’essere nominato.
Grande successo, pienone e quasi cinque minuti d’applausi.”
Sergio lo Gatto, KRAPP’S LAST POST

“…quest’ultimo lavoro di Ricci/Forte è uno specchio in cui tutti veniamo riflessi; è una scuderia di spermatozoi scalpitanti in corsa per fecondare menti in ovulazione. All’interno della cornice in cui i quattro interpreti si donano con strabiliante empatia, diretti con una tale precisione da aver spazio anche per improvvisare, chi guarda deve operare una scelta, è finalmente reso attivo. Trattenere nella sua interezza la moltitudine di temi trattati è impossibile con un’unica visione. Questo è uno degli aspetti che rende estremamente interessante questa operazione. Perché, a differenza del mero intrattenimento ‘per non pensare’, lo scopo è stimolare, all’uscita del tempio sacro del teatro, ciò che troppo spesso ci si “scorda” di fare: interrogarsi e confrontarsi.”
D.G., SIPARIO

“…geniale prova di teatro d’innovazione, questo spettacolo va visto per i pugni allo stomaco che ti arrivano tra una risata e l’altra, per il coraggio degli interpreti e per la loro performance fisica ed emotiva portata all’estremo (e allo stremo) per i fini delle esigenze artistiche. Se ce la fate a vederlo, possibilmente in prima fila… ”
Dario Accolla – Elfobruno, IL CANNOCCHIALE, Blog Teatro

“…corpi sbattuti sul legno del palcoscenico, guidati dal Tom-Tom della perdita di equilibrio razionale che porta quegli ammassi di cuore-polmoni-fegato-pancreas-milza-vescica-testicoli-prostata-trachea-laringe-faringe-cazzo a cercare la volubile intersezione di un desiderio. Mi vuoi. Ti voglio. Mentre il gelato che abbiamo ingurgitato si trasforma in merda. E domani? Si torna bambini. Tende, colori pop e maschere aiutano gli adulti a sembrare meno adulti, a nascondersi nel loro guscio televisamente corazzato. Perché “Dallas” e “Grey’s Anatomy” regalano certezze, mica come la vita, serial a singhiozzo.”
RIVER, Blog Teatro

“…Macadamia Nut Brittle, che spettacolo! punto esclamativo, niente aggettivi: uno spettacolo è quando quello che vedi ti prende e ti cattura, ti diverte e ti emoziona, ti coinvolge e ti respinge, ti fa pensare anche a ore di distanza senza però trovare un pensiero preciso se non questo filo che ti lega alla sera prima in cui sei stato spettatore di uno spettacolare spettacolo. Ricci/Forte ci propongono una via teatrale che rifugge compiacimenti autorali/attoriali e riporta in scena le vere nude emozioni.”
STORIE 100X100, Blog Teatro

“…sono loro una delle poche realtà nuove che concretamente si impegna e lotta per portare avanti il teatro in cui crede e per cui scrive. La scrittura di Ricci/Forte crea un cortocircuito tra poeticità e realtà per raccontare una visione diversa del mito nella società contemporanea, mantendo delle loro cifre stilistiche (uso di cartelli, il nudo, il movimento che dà spessore alla parola) ma rinnovandole sempre.”
Cecilia Nocella, SEROXCULT

31 AGOSTO 2009, ore 22.30
FESTIVAL INTERNAZIONALE CASTEL DEI MONDI
PALAZZO DUCALE DI ANDRIA (BA)

11 SETTEMBRE 2009, ore 22.00
OMISSIS 9 CONTEMPORARY PERFORMING ARTS FESTIVAL
SALA BERGAMAS, GRADISCA D’ISONZO (GO)

photo
mauro santucci

http://www.myspace.com/ricciforte

info e prenotazioni:

Festival Internazionale Castel dei Mondi
TEL: 339 60 15 965
TEL: 0883 290 226

Omissis 9 Contemporary Performing Arts Festival
TEL: +39 338 69 34 756

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.