Dalla rassegna stampa Libri

Il Batman di Mancassola è gay e adora il fist fucking

… “La vita erotica dei supereroi” insomma merita la pole position sotto l’albero di Natale: va regalato assolutamente all’amico creativo, quello sognatore … al quale piace abbandonarsi alla lettura di un buon libro. Che piglia la testa, lo stomaco, la pancia, e perfino l’apparato genitale…

Certo quel corpo statuario e quella maschera scura ci avevano quasi tolto il diritto di chiederci cosa succedesse nel talamo del leggendario Batman. Superman, tempo fa, lo aveva in un certo senso sdoganato Ivan Cotroneo ne “La Kryptonite nella borsa”, immaginandone una variante partenopea, più umile e genuina, nonché teneramente omosessuale. E un po’ tutti i supereroi del fumetto in realtà sono stati sovvertiti da “Supercamp”, la serie dell’artista Gianni Scardovi in cui quegli omaccioni tutti muscoli e calzamaglia indossano tacchi a stiletto o addirittura – in “Ten Kisses” – si baciano tra loro con passione. Un bacio, però, non di più.

Marco Mancassola ne “La vita erotica dei supereroi” (edito da Rizzoli) va decisamente molto oltre: mette l’uomo pipistrello a quattro zampe ad affrontare una sfida più prosaica delle sorti del mondo – quella dello sfintere – con la precisa intenzione di perderla e di lasciare – mano e polso – fare breccia. Il Robin innamorato – conosciuto proprio mentre un gruppo di omofobi lo picchia dandogli del “finocchio” – gli resta grato enormemente per quel salvataggio, diventa il suo braccio destro, in un senso che va al di là del racconto dei fumetti. Batman, trent’anni dopo il suo “momento d’oro”, è un gay famoso, ricco, viziato, lussurioso. E Narciso, soprattutto, fino all’inverosimile. Per noi però resta quel Cavaliere Oscuro che appariva nella notte e che poi a un certo punto è sparito e non ha fatto più saper nulla di sé.

Batman è solo uno dei supereroi “ritrovati” da Mancassola: ci sono anche Superman, la mutante Mystique, la Donna Invisibile, l’Uomo di Pietra, Mister Fantastic. E altri ancora, perché di tutti – in fondo – si voleva sapere che fine avessero fatto. “La vita erotica dei supereroi” insomma merita la pole position sotto l’albero di Natale: va regalato assolutamente all’amico creativo, quello sognatore e con la testa per aria che abbiamo visto perdersi nel giornaletto dei fumetti. Ma impacchettatelo anche per l’amico che non ha mai cercato un pipistrello luminoso proiettato in cielo, ma al quale piace abbandonarsi alla lettura di un buon libro. Che piglia la testa, lo stomaco, la pancia, e perfino l’apparato genitale.

da Blogosfere.it

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.