Dalla rassegna stampa Cinema

Riflessione da non perdere sulla colpa e l'innocenza

Una storia americana (2003) di Andrew Jarecki Raitre/Fuori Orario, ore 2.40 circa

Non fatevi scoraggiare dall’ora molto tarda. E casomai fatevi «aiutare» dal timer del videoregistratore. Questa sera Fuori Orario
manda in onda (in prima tv) un film da non perdere. Si intitola Una storia americana. È un documentario, ma assomiglia di più a un film-saggio, a una riflessione (fatta con la macchina da presa e non con carta e penna) su alcuni dei grandi temi con cui deve confrontarsi la nostra società, dal significato delle parole «colpa» e «innocenza» all’uso distorto delle immagini. Al centro del film c’è la storia, vera, di Arnold e Jesse Friedman (foto), padre e figlio, rispettati membri di una piccola comunità di Long Island che negli anni Ottanta sono stati condannati per stupro e pedofilia: il primo si è suicidato in prigione, il secondo è stato rilasciato nel 2001. Ma nelle interviste e nelle inchieste condotte da Jarecki, la verità (celebrata al processo) non è più così evidente perché isteria collettiva, repressione sessuale e condizionamenti puritani si mescolano inestricabilmente. Per non parlare dei filmini amatoriali girati dagli stessi Friedman che rivelano una voglia di protagonismo e una «dipendenza» dal potere delle immagini (ricordate Warhol e la profezia sui pochi minuti di popolarità assicurata a tutti?) che trasformano la tragedia in farsa e viceversa. E che il cinema, questo cinema, cerca di raccontare con tutta la correttezza di cui è capace.
Una storia americana (2003) di Andrew Jarecki Raitre/Fuori Orario, ore 2.40 circa

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.