Dalla rassegna stampa Cinema

FANTASTICO TROPICAL MALADY

La selva oscura e il senso di colpa

Un « film da festival » ( ha vinto quello gay di Torino) per amanti di un cinema estremo, oscuro ma vitale, innovativo e geniale. Che insiste, nell’assoluto del cinema e contro ogni sintassi consunta dall’uso, a inquadrare l’invisibile, raccontando, con la mediazione del mito alla Levi Strauss, quella parte oscena e segreta dentro di noi.
Racconto diviso in giorno e notte, che s’immerge nelle ombre di un luogo della selva oscura tropicale. Il soggetto è un’affettuosa amicizia tra un soldato e un ragazzino che, come in una fiaba, incontrano nel bosco giungla una tigre che è l’inconscio, il senso di colpa, etc.
Fascinazione filmica assoluta, lasciatevi prendere per l’Es dal regista thailandese Apichatpong Weerasethakul. VOTO: 8,5

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.