Dalla rassegna stampa Cinema

IRON LADIES,UNA STORIA VERA E GAIA

Esce, a quattro anni di distanza dall’exploit in patria e negli Usa, “The Iron Ladies”, storia vera della squadra maschile di pallavolo thailandese composta per lo più da gay, transessuali e travestiti…

Esce, a quattro anni di distanza dall’exploit in patria e negli Usa, “The Iron Ladies”, storia vera della squadra maschile di pallavolo thailandese composta per lo più da gay, transessuali e travestiti, che vinse il campionato nazionale nel 1996, abbattendo tabù e pregiudizi. Il film ha fatto incetta di premi, aggiudicandosi anche una Menzione Speciale al Festival di Berlino 2001. In sala dal 4 febbraio.

Diretto da Yongyooth Thongkonthun, “The Iron Ladies” racconta la storia (incredibile ma vera) della squadra maschile di pallavolo thailandese che – composta in maggioranza da gay, transessuali e travestiti – vinse il campionato nazionale nel 1996. “Eroi” della vicenda i due giovani protagonisti Mong e Jung, pallavolisti di grande talento, ma spesso esclusi dalla formazione nazionale perché omosessuali. Finchè un bel giorno il governo provinciale thailandese incarica un nuovo allenatore di formare un team vincente e con Bee le cose sembrano cambiare. La donna, infatti, chiama Jung e Mon a giocare come titolari nonostante l’opposizione degli altri giocatori. Non solo. Rivoluziona la squadra con l’inserimento di un militare gay, della star transessuale di uno show di cabaret e del suo fidanzato. La scelta dell’allenatrice si rivelerà vincente e sarà la grande occasione per Mong e Jung.

“Era davvero interessante – ha spiegato il regista in un’intervista – raccontare la storia vera di una squadra gay di volley del campionato che divenne improvvisamente nota fuori dalla Thailandia nel 1996. I personaggi principali sono perdenti che devono combattere per la loro strada verso il successo”.

“Fare un film su questa storia – ha spiegato Yongyoot, ex regista della tv commerciale, diventato ora un fenomeno nazionale – era una sfida con me stesso, dato che i film sui gay e lo sport, o i film girati con attori sconosciuti raramente sono ben accolti dal pubblico”. “Con Iron Ladies – aggiunge il regista – ho rotto ogni tabù nell’ambiente. Credo che nella vita reale i gay sono molto oppressi proprio come i protagonisti del mio film; ma gli deve essere comunque concesso di avere un vita dignitosa come a chiunque altro”. Un buon lavoro che il regista non esita a giudicare con modestia: “Alla fine comunque, il film non rende esattamente la storia delle Iron Ladies, ma cattura lo spirito, la personalità e la dignità dei giocatori. Insomma ho reso la vicenda più attraente e comprensibile per il pubblico thai e per quello del resto del mondo”.

Una curiosità: il cast del film è di soli attori eterosessuali. Spiega Yongyoot: “Non volevo che il mio pubblico si focalizzasse su un film con un cast completamente gay”. Uscito nel 2001 in Thailandia, la pellicola ottenne un successo straordinario. Incassò più di 100 milioni di baht che equivale al secondo incasso mai raggiunto nella storia cinematografica thailandese. Infine, una nota per il pubblico: nell’adattamento italiano, la voce della transessuale Pia, protagonista del film, è di Eva Robin’s.

da TGcom.it

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.