Dalla rassegna stampa Cinema

Almodóvar, stavolta il maleducato è lui

…Sembra un girone dell’Inferno, invece è il film più recente di Pedro Almodóvar … Un film, perciò, da dimenticare se si vuol continuare a tenere in considerazione la carriera di un autore …

PRETI pedofili, poi spretati, sposati, con prole, ma sempre omosessuali e per di più assassini. Tossicodipendenti pronti, per avere più droga, a ricattare quelli che li avevano corrotti quando erano minorenni. Travestiti che travestono anche la propria identità e il proprio passato affastellando cumuli di menzogne. Uomini in foia che si riprendono con video camere durante i loro amplessi. E naturalmente sodomizzazioni e sesso orale… Sembra un girone dell’Inferno, invece è il film più recente di Pedro Almodóvar in cui al libello anticlericale del tutto fuori dalla realtà, nel corso di una storia che dagli anni Sessanta arriva agli Ottanta, si accompagna il melodramma, il cinema “nero”, anzi nerissimo (non solo sono i preti ad uccidere ma anche i fratelli), un quasi “giallo” a scatole cinesi che sforna via via verità diverse e, come impalcatura, un film nel film che un regista realizza sulla scorta di un soggetto di un suo antico compagno di collegio intento a sciorinare tutte le malefatte di quegli anni con insegnanti che seducono allievi e allievi dediti a giochini erotici nei gabinetti della scuola.
Almodóvar di solito si fa stimare, con una indubbia posizione di rilievo nel cinema spagnolo, qui invece si è lasciato prendere la mano vuoi dall’autobiografia vuoi da temi cui spesso, ma con più tatto, si era già rivolto. Così ha fatto male i conti con il suo congegno e, pur prodigandosi con immagini buie, non he ha ricavato quasi mai un clima, stentando a darsi uno stile. Un film, perciò, da dimenticare se si vuol continuare a tenere in considerazione la carriera di un autore salutata spesso in passato da consensi e da premi. Il protagonista è Gael García Bernal che sostiene tre parti, un fratricida, il fratello che ha ucciso (ma mente) e un travestito (mentendo sul sesso). Però un po’ se la cava.

LA MALA EDUCATIÓN, di Pedro Almodóvar, con Gael García Bernal, Fele Martínez, Daniel Giménez Cachp, Spagna, 2004.

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.