Dalla rassegna stampa Cinema

Elegantissimo Cole Porter

…Ashley Judd è Linda, la moglie facoltosa e devota, la musa che lo ha amato tutta la vita, accettando la sua omosessualità…

Rose, rose a profusione, fiorite nei giardini, recise nei vasi. Super chic anni Trenta (ma anche Quaranta e oltre) per il sentimentale De-Lovely, di Irwin Winkler, che chiude sabato prossimo, fuori competizione, il festival.
Kevin Kline interpreta Cole Porter, l’indimenticabile autore di Night and Day, deliziosamente frivolo, mondano, creativo e omosessuale.
Ashley Judd è Linda, la moglie facoltosa e devota, la musa che lo ha amato tutta la vita, accettando la sua omosessualità.
Una relazione che si sfilaccia negli anni di Hollywood, quando Cole lavora per la Metro Goldwin Mayer, in un ambiente “dove i fiori sono troppo facili da cogliere” e lui sprofonda in una vita compulsivamente erotica.
Una caduta da cavallo che lo condannerà alla sedia a rotelle, lo riavvicinerà a Linda. Il film è concepito come se Cole Porter, alla fine della sua vita, nel 1964, solo nel suo appartamento di New York, vedesse scorrere la sua vita sul palcoscenico, in un musical.

Belle canzoni interpretate da grandi talenti come Sheryl Crow, Alanis Morissette, Robbie Williams, Elvis Costello in abiti d’epoca. E poi, look glamorous, portasigarette di Tiffany, smoking, abiti da sera, e tripli fili di perle con pendenti.
“Cole Porter era l’uomo più elegante che potevi incontrare in quegli anni” dice la costumista premio Oscar per Il gladiatore Janty Yates. “E Linda era una vera e propria icona di stile”.

Visualizza contenuti correlati


Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.