Dalla rassegna stampa Cinema

McDowell: attenti, ragazzi questo mostro viene dalla realtà

Il regista: “La storia del pedofilo di Rostov sia un monito per gli adolescenti”

L´attore interpreta “Evilenko” di David Grieco

ROMA – «Ho letto per la prima volta la sceneggiatura di Evilenko e ho detto a David “grazie per aver messo lo stupro di una bambina nei primi cinque minuti del film, mi fa provare subito simpatia per il personaggio? Cerca di modificare qualcosa», scherza Malcolm McDowell, ma «non ha mai cambiato nulla, un buon segno, vuol dire che aveva le idee chiare su ciò che voleva». Evilenko è il film di David Grieco ispirato al fatto di cronaca del “mostro di Rostov”, Andrej Cikatilo, l´insegnante di letteratura russa che nell´arco di 12 anni uccise oltre 50 bambini. Un personaggio che per Grieco, cresciuto in una famiglia storica del comunismo italiano, era quasi un´ossessione. «Dodici anni fa andai al processo, il fatto che un intellettuale comunista fosse un mostro pedofilo mi colpiva e oltretutto avevo due bambini. Scartai l´idea del film perché mi sembrava troppo presto e scrissi il romanzo, Il comunista che mangiava i bambini. A dirigere il film mi ha incoraggiato Malcolm, ho pensato che con un grande attore così, anche se come regista sono una mezza calzetta, basta stargli con la macchina addosso e i momenti di emozione arrivano», dice Grieco, contento che il film sia uscito senza censure, «perché sarebbe utile proiettarlo nelle scuole, l´informazione sulla pedofilia tra gli adolescenti è molto importante».
Per McDowell, interprete grandioso di un personaggio che è il Male, il riferimento ad Alex di “Arancia meccanica” o ad Hannibal è naturale. «Sono passati trent´anni da “Arancia meccanica”, allora ne avevo 26 e lavorare con un genio come Kubrick era il sogno più grande. Oggi sono una persona diversa, ho cambiato qualche moglie e ho un bambino di undici mesi. Non conservo niente dei personaggi. Quanto ad Hannibal, non abbiamo niente in comune. Anthony Hopkins è grande, il miglior attore prodotto dall´Inghilterra negli ultimi anni, ma il suo Hannibal è uno psicopatico di fantasia, con humour e ironia. Evilenko, sia pure nella finzione, è “the real thing”, viene dalla realtà».
(m.p.f.)

Visualizza contenuti correlati


Condividi

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.