L'animale

L'animale
Esprimi il tuo giudizio
Aggiungi ai preferiti
  • Tendenza LGBT LLL
  • Media voti utenti
    • (0 voti)
Guarda il trailer

Cast

L'animale

In Austria l’esame finale per il diploma di scuola superiore si chiama “Matura”. A differenza della parola tedesca “Abitur” (dal latino “abire” cioè andare via) il termine austriaco include anche il significato di raggiungere l’età adulta. Mati vuole diventare un veterinario come sua madre e quindi dovrà lasciare i confini del micro cosmo rappresentato dalla sua cittadina in mezzo ai boschi in direzione di Vienna. Ma ora sorge la domanda: Mati è pronta per questo futuro? In piedi, nel suo vestito del diploma, con i suoi lunghi capelli legati ad un nodo, Mati è la prima ad ammettere che sembra un pagliaccio. Mati in realtà ama passare il tempo in giro per le cave con la sua rimbombante moto da cross assieme alla compagnia dei suoi amici maschi, che spaventano il vicinato e molestano le ragazze. Quando una delle sue compagne di classe si difende in discoteca dalle avances sessuali di uno degli amici di Mati, Mati le sputa in faccia. Ma proprio come era avvenuto con il matrimonio dei suoi genitori, anche la gang degli amici del motocross va in crisi quando diventano più pressanti le pulsioni di amicizia, amore e sessualità. Quando il suo amico più stretto Sebastian si innamora di Mati e la sua nemica Carla diventa inaspettatamente un’ amica, Mati rischia di perdere il suo ruolo nella compagnia.
Nel suo secondo lungometraggio (dopo Talea del 2013) Katharina Mückstein utilizza immagini nitide, parole chiare e battute incisive per raccontare di una giovane donna dalla personalità non semplice sul punto di camminare oltre l’adolescenza. Il comportamento dei suoi genitori ci dice che essere maturi e saper affrontare il futuro non ha niente a che fare con l’età anagrafica.
Il titolo è un riferimento diretto al brano del 1985 di Franco Battiato, sull’istinto animale che avvinghia l’uomo senza mai andarsene. L’Animale è un film sulle forze contraddittorie che guidano le nostre vite. Katharina Mueckstein ha definito il suo film come la sua risposta personale alla domanda: “Quanto, noi persone moderne, siamo davvero libere?” aggiungendo che tutti noi vogliamo approvazione e rispetto, essendo sensibili e spesso spaventati. La regista sottolinea anche che “La resistenza individuale, il coraggio di liberare l’identità e la sessualità personali […] è il più grande potenziale rivoluzionario dei nostri tempi.” Presentato alla Berlinale 2018 nella sezione Panorama e in concorso per il Teddy Award

synopsis

Riding on their tuned-up bikes, Mati and her posse of male friends intimidate their neighborhood and harass the girls. In their village, they rule. But when her closest pal Sebastian falls in love with Mati and her enemy Carla unexpectedly turns into a friend, Mati is in danger of losing her standing among her male friends. Meanwhile Mati’s parents have a decision to make: What’s more important, appearances or reality?

Condividi

Commenta


trailer: L'animale

Effettua il login o registrati

Per poter completare l'azione devi essere un utente registrato.